Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Petrolio USA supera i $58 per problemi di offerta

di Ufficio Redazione ChemOrbis - content@chemorbis.com
  • 24/11/2017 (13:56)
Secondo quanto riportano i media, mercoledì il petrolio WTI sul NYMEX è aumentato al livello più alto in più di due anni per via di problemi di offerta derivanti dalla chiusura di uno dei maggiori oleodotti in Canada.

L’oleodotto di TransCanada Corp.’s da 590,000 b/d a Keystone è stato chiuso a causa di una perdita, causando il taglio dell’85% delle spedizioni di novembre. In linea con la recente chiusura, West Texas Intermediate era in rialzo di 54 centesimi per chiudere giovedì a $58.56/barile dopo aver superato la soglia di $58 per la prima volta dal 2015. Nel trading infra giornaliero di venerdì, i future erano ancora sopra i $58/bbl.

Secondo i dati pubblicato dalla Energy Information Administration (EIA) degli USA, l’offerta di petrolio del paese è calata di 1.9 milioni di barili, indicando un calo minore del previsto, in attesa della riunione dell’OPEC la prossima settimana.

Intanto, i produttori dell’OPEC e della Russia potrebbero estendere il taglio della produzione fino a marzo 2018, e ciò potrebbe mantenere una scarsa offerta di petrolio a livello globale, secondo i media.
Prova Gratuita