Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Petrolio in forte calo, nafta segue il trend

  • 22/06/2017 (11:16)
I future del petrolio WTI sul NYMEX e Brent sull’ICE sono stati scambiati sotto la soglia dei $50/bbl nelle ultime tre-quattro-settimane. Questo è dovuto soprattutto alle recenti ondate di eccesso di offerta a seguito dell’aumento della produzione da parte degli USA, nonostante i tentativi dell’OPEC e dei paesi non OPEC di ribilanciare i mercati.

Dopo che i prezzi del petrolio hanno toccato la soglia dei $50/barile, i produttori di shale gas sono tornati sul mercato, aumentando le scorte degli USA e aprendo così la strada al sentimento ribassista nel complesso energetico. Secondo il Price Wizard di ChemOrbis, i future del petrolio NYMEX (WTI) hanno toccato il minimo degli ultimi dieci mesi, mentre il Brent ha raggiunto il livello minimo degli ultimi otto mesi, sulla base della media settimanale dei prezzi.

Durante il trading di martedì, i future del NYMEX hanno visto un livello minimo di $43/bbl mentre il Brent è sceso a $45/bbl, ed entrambi hanno chiuso la giornata con livelli anche inferiori. Nella prima metà dell’anno il petrolio ha visto la performance più debole dal 1997, secondo Reuters, perdendo il 20% del suo valore.



Anche se alcuni partecipanti come l’Arabia Saudita hanno soddisfatto le richieste, non tutti i paesi membri hanno ridotto le loro quote. Secondo fonti dei media, la Libia sta trivellando a livelli massimi dal giugno 2013, aggiungendosi alla sfida che OPEC e i produttori alleati stanno affrontando per riportare le scorte di petrolio sotto controllo. La produzione in crescita di Libia e Nigeria, esenti dai tagli a causa dei disordini politici in corso, ha creato una pressione ribassista sul mercato.

L’OPEC starebbe pensando di estendere l’accordo sul taglio alla produzione come precauzione alla crescente quantità di petrolio prodotta.

I prezzi in calo del petrolio hanno influito anche sul mercato della nafta, oltre alla pressione da parte delle scorte di petrolio in Asia. L’interesse all’acquisto resta debole a causa del flusso di materiale. I prezzi spot della nafta in entrambe le regioni hanno perso circa il 22% dall’inizio del 2017. Come mostra il grafico creato con il Price Wizard, i prezzi della nafta su base CIF NWE sono scesi sotto la soglia dei $400/ton di recente, attestandosi sui livelli più bassi da settembre 2016.


Prova Gratuita