Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Petrolio rimane volatile tra accordo OPEC e domanda colpita dal virus

di Ufficio Redazione ChemOrbis - content@chemorbis.com
  • 15/04/2020 (17:24)
Il leggero aumento dei prezzi del petrolio durante il trading infragiornaliero di martedì si è rivelato di breve durata poiché la domanda globale in calo ha superato il supporto derivante dall’accordo dell’OPEC sul taglio della produzione.

La domanda debole a causa del minor consumo di petrolio ha continuato a generare timori sull’eccesso di offerta nonostante i tagli della produzione programmati dai principali produttori a livello mondiale.

Il 13 aprile, i futures del petrolio West Texas Intermediate (WTI), riferimento statunitense, sono scesi di $2.30 ovvero del 10.3% per chiudere a $20.11/barile e il petrolio Brent è sceso di $2.14 ovvero del 6.7% per chiudere a $29.60/barile. All’inizio dello stesso giorno, i future del petrolio WTI e Brent erano aumentati rispettivamente dell’1.7% e dell’1.4%.

I mercati petroliferi sono sotto la pressione di diversi fattori divergenti tra cui l’accordo sul taglio della produzione dell’OPEC e la pressione della domanda bassa a causa della pandemia di COVID-19. Durante la sessione infragiornaliera di mercoledì, il petrolio WTI è leggermente aumentato dell’1.75%, al momento della pubblicazione, mentre i future del Brent sono aumentati dello 0.75% rispetto alla chiusura precedente.
Prova Gratuita
Login