Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Player asiatici di PVC fermi su attese rialziste per giugno

di Merve Sezgün - msezgun@chemorbis.com
  • 09/05/2019 (10:09)
I player di PVC in Asia stanno esprimendo le loro attese di aumento per il mese di giugno, indicando alcuni fattori rialzisti. Tuttavia, gli aumenti attesi sono per lo più limitati a entità limitate, fino a circa $30/ton.

In aprile e maggio uno dei maggiori produttori di Taiwan ha offerto PVC a Cina e India con diminuzioni complessive rispettivamente di $80/ton e $100/ton.

Nei mercati spot di questi paesi, intanto, i prezzi del PVC di importazione sono già rimbalzati dai minimi degli ultimi anni nelle ultime due settimane.

Sentimento PVC Cina rafforzato dall’offerta corta

In Cina, l’offerta di PVC è diminuita a causa di alcuni fermi impianto programmati e non dopo le misure di sicurezza più rigide adottate dal governo a seguito di alcuni incendi letali in impianti chimici. Come risultato dei livelli di offerta in calo, i produttori cinesi hanno adottato un atteggiamento rialzista sule offerte locali e di esportazione.

Anche i prezzi elevati del carbone e i future del PVC in rialzo si sono aggiunti al trend rialzista di recente. I future del PVC di settembre sul Dalian Commodity Exchange sono aumentati di CNY80/ton ($12/ton) l’8 maggio rispetto all’ultima sessione di trading di aprile.

Secondo i dati del Price Index di ChemOrbis, i mercati locali di PVC in Cina, compreso il k67 a base etilene e acetilene, hanno raggiunto i livelli più alti da giugno 2018.

Domanda buona in India

I player nel mercato indiano del PVC hanno riportato che il sentimento è stato forte grazie alla domanda robusta dovuta ai livelli di offerta ridotti dei produttori locali. “L’interesse all’acquisto forte dell’India e la disponibilità limitata potrebbero incoraggiare i maggiori venditori di PVC ad adottare un atteggiamento rialzista sulle offerte di giugno”, ha osservato un trader.

Una fonte di un produttore domestico ha poi osservato “Il sentimento è rialzista in questi giorni. Tuttavia, la stagione dei monsoni si sta avvicinando e quindi monitoreremo da vicino lo stato della domanda nelle prossime settimane”.

Cosa frena gli aumenti attesi per giugno?

Nonostante la domanda forte e l’offerta limitata in India e Cina, le attese complessive per giugno sono centrate su aumenti modesti compresi tra $10/ton e $30/ton. Questo perché i player hanno preferito restare cauti al momento di esprimere le loro opinioni, vista la stagione dei monsoni in India, la calma per il Ramadan nel Sudest Asiatico e il recente calo dei future del petrolio.

Prova Gratuita
Login