Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Player europei si chiedono se il PE è vicino al livello minimo

di Manolya Tufan - mtufan@chemorbis.com
  • 17/07/2019 (11:50)
In Europa, l’attenzione dei player è già rivolta verso agosto dopo che le trattative di luglio del PE sono state chiuse principalmente con diminuzioni in linea con il calo dell’etilene. I player hanno discusso riguardo al fatto che i prezzi siano o meno vicini al livello minimo in seguito ai forti cali del PE a causa delle pressioni opposte da parte dei prezzi della nafta e del petrolio in aumento e dei fondamentali deboli.

Forti cali del PE a luglio

Il trend ribassista del mercato del PE si è rafforzato visti i costi in calo a luglio. Le trattative del PE di luglio sono state concluse principalmente con cali di €70-80 mentre solo in pochi casi sono state registrate forti diminuzioni di €100/ton, superiori ai cali mensili di giugno.

HDPE film tocca i minimi degli ultimi 2 anni in Europa

Secondo il Price Index di ChemOrbis, i forti cali di luglio hanno spinto alcuni gradi dell’HDPE ai minimi da diversi anni, in media. In Italia i prezzi dell’HDPE hanno raggiunto i livelli minimi da luglio 2017 per il grado film, da febbraio 2015 per il b/m e da febbraio 2019 per l’iniezione. In Nord Europa, i prezzi dell’HDPE sono calati ai livelli minimi mai visti dal periodo luglio-agosto del 2017 per i gradi film, b/m e iniezione.

Secondo i dati basati sulla media del Price Index di ChemOrbis, i prezzi dell’LDPE e LLDPE hanno raggiunto i livelli minimi da fine febbraio di quest’anno sia in Italia che in Nord Europa.

LDPE, LLDPE spot al pari o al di sotto del contratto del C2 di luglio

I prezzi spot dell’LDPE e dell’LLDPE si attestano al pari o al di sotto del livello del contratto dell’etilene di luglio .

Si preferisce il mercato locale rispetto alle importazioni

I prezzi bassi in Europa hanno riportato i buyer nel mercato locale per rifornire le scorte, nonostante la pausa estiva di molti trasformatori sia imminente e i player non siano disposti ad impegnarsi con carichi di lunga distanza. Perciò l’interesse all’acquisto per le importazioni rimane basso.

Tuttavia, un buyer ha osservato, “Le nostre vendite scarse di prodotti finiti non ci permettono di fare grandi scorte. Quindi ci procuriamo materiale solo in base alle necessità.”

C2 spot torna ai livelli di fine febbraio

L’ampia offerta di etilene a causa del buon flusso delle importazioni e e la debole domanda di derivati hanno spinto di recente i prezzi ai loro livelli minimi da fine febbraio 2019. I prezzi spot dell’etilene hanno registrato cali complessivi di circa €60/ton in media durante luglio per essere quotati a circa €850/ton FD NWE, secondo il Price Wizard di ChemOrbis.

Voci di mercato dicono che i prezzi spot dell’etilene in calo potrebbero controbilanciare i prezzi della nafta e del petrolio in rialzo. Un player ha affermato che i mercati del petrolio in rialzo potrebbero mantenere sotto controllo l’entità del calo dell’etilene previsto.

Aspettative per inizio agosto da stabili a in calo

I prezzi spot del PE ai minimi da diversi anni insieme ai costi di petrolio e nafta in aumento hanno generato aspettative di stabilità per il prossimo mese ma i player non escludono ancora la possibilità di leggeri ribassi considerata la domanda debole e l’offerta ampia.

Resta da vedere se i prezzi del PE troveranno supporto nei costi energetici in rialzo per stabilizzarsi o se continueranno a calare a causa dell’assenza dei player nel mercato. Il fatto che la domanda non sarà forte durante la stagione estiva e che l’offerta del PE risulterà ampia potrebbe continuare a esercitare pressione sul mercato durante il mese di agosto.

Gli aumenti probabilmente verranno posticipati a settembre
Per il momento è escluso un’inversione del trend del mercato ad agosto dato che non ci sono forti fattori rialzisti che potrebbero far risalire i prezzi. Lo scenario più probabile è che a settembre vi siano tentativi di aumento dato che la domanda potrebbe riprendersi dopo il ritorno dei buyer dalle ferie, considerando anche i fermi impianto programmati dei cracker.

Un distributore ha commentato, “I buyer stanno comprando più materiale con consegna a settembre. Perciò la domanda è migliorata rispetto a giugno. Il sentimento per settembre è rialzista.”
Prova Gratuita