Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Prezzi PET di esportazione dalla Cina indicano stabilità dopo 6 settimane di cali

di Başak Ceylan - bceylan@chemorbis.com
  • 20/08/2019 (11:35)
I player nel mercato asiatico del PET hanno cominciato a muoversi con cautela alla fine della scorsa settimana, e diversi di loro considerano la possibilità che l’attuale trend ribassista possa terminare dopo sei settimane consecutive di cali.

I cali sono cominciati a inizio luglio per fattori ribassisti di costi/domanda

In Cina, i prezzi hanno seguito un trend ribassista da inizio luglio a causa della persistente domanda debole e dei costi delle materie prime. Inoltre, i prezzi del PET di esportazione in Cina hanno raggiunto i livelli minimi mai visti da maggio 2017, come è stato precedentemente accennato nelle Plastics News di ChemOrbis .

Tuttavia un trader cinese ha recentemente dichiarato che molti fornitori hanno stabilizzato i loro prezzi, in seguito ai continui cali. Il trader ha anche affermato che le prime discussioni hanno messo in evidenza la volatilità del mercato.

Rinvio delle tariffe alimenta nuove speranze nel mercato

Con il rinvio delle tariffe aggiuntive da parte del governo USA su diversi beni cinesi, incluso il poliestere, è tornata la fiducia nel mercato delle materie prime e le discussione nel mercato dei derivati hanno iniziato a focalizzarsi su una possibile stabilità dei prezzi.

Oltre al recente indebolimento della politica tariffaria, sono state alimentate nuove speranze riguardo alle negoziazioni in seguito ai report dei funzionari USA, che indicano una ripresa delle discussioni con la Cina.

Entrambe le parti concordavano sul fatto di riprendere le negoziazioni a luglio dopo il fallimento delle trattative precedenti a maggio.

Costi delle materie prime volatili per mancanza di direzione

I prezzi spot del PX su base FOB Corea sono diminuiti ad un ritmo più lento la scorsa settimana, come mostrato dal Price Wizard di ChemOrbis. Ciò è stato principalmente attribuito ai prezzi del petrolio volatili, che hanno mantenuto l’offerta limitata nella regione. Nel frattempo, i prezzi spot del MEG sono rimasti stabili dopo il rimbalzo dai minimi degli ultimi dieci anni all’inizio della scorsa settimana.

I riferimenti del petrolio hanno concluso la scorsa settimana in rialzo per incertezze riguardo all’offerta a causa delle continue tensioni in Medio Oriente. Tuttavia, i dati del Price Wizard di ChemOrbis mostrano che i riferimenti globali sono rimasti in territorio ribassista nonostante l’aumento settimanale, con prezzi che, a inizio agosto, hanno toccato i livelli minimi da gennaio .

Trader tengono d’occhio i dati economici

Ciò nonostante, molti player sono rimasti cauti considerata la debolezza dei dati delle principali economie, affermando che è improbabile che l’attuale sentimento causato dai timori di una recessione economica possa portare a un trend rialzista.

Inoltre, un trader ha affermato che le voci rialziste sentite alla fine della scorsa settimana non hanno ricevuto alcuna risposta dai buyer e ha aggiunto che i prezzi stanno mantenendo i loro livelli attuali e non ci sono segni di un possibile rimbalzo.
Prova Gratuita
Login