Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Prezzi esportazione PET dall’Asia toccano nuovi minimi per aumento offerta

  • 13/07/2018 (10:30)
I produttori asiatici del PET hanno applicato nuove riduzioni questa settimana per la pressione proveniente dalle nuove capacità nella regione e il graduale rallentamento della domanda a causa della vicina fine dell’alta stagione. Il trend dei prezzi nella regione è stato ribassista dalla fine di giugno, in linea con i segnali di miglioramento dell’offerta.

Secondo la media settimanale dei dati del Price Index di ChemOrbis, le offerte di esportazione del PET grado bottiglia al di fuori della Cina hanno toccato il minimo di tre mesi questa settimana, con prezzi dalla Corea del Sud che hanno raggiunto i livelli minimi da inizio maggio.



Le preoccupazioni circa l’offerta limitata a livello globale sono diminuite, in linea con i recenti riavvii della produzione in Europa, oltre all’aggiunta delle capacità in Cina e Vietnam le quali hanno aiutato l’outlook dell’offerta. In Asia, circa 1.6 milioni di ton/anno di nuove capacità di PET sono state rese disponibili nel corso delle precedenti settimane.

“Abbiamo rivisto i nostri prezzi di PET ancora in calo questa settimana, come altri molti venditori. Il forte ribasso dei future del petrolio a metà settimana ha contribuito al trend ribassista”, ha detto una fonte di un produttore cinese. Similmente, un altro produttore ha detto, “Non siamo ottimisti circa l’outlook del PET per il breve periodo. Inoltre, speriamo che le ispezioni ambientali possano limitare l’impatto dell’aumento di offerta in parte”.

Un produttore della Corea del Sud ha confermato che la domanda per i loro carichi è rimasta debole anche dopo aver applicato altri ribassi questa settimana. “Stiamo riscontrando pressione dalle offerte competitive cinesi oggi giorno. Non ci aspettiamo particolari riprese della domanda nel breve periodo”, ha detto una fonte.

D’altra parte, i venditori cinesi hanno iniziato a deviare i loro nuovi carichi di imbarco verso il Medio Oriente e Africa, secondo qualche player in India.
Prova Gratuita