Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Prezzi etilene, propilene Asia rimangono in rialzo ma player cauti

di Jennifer Lee - jlee@chemorbis.com
  • 14/07/2021 (11:27)
I prezzi asiatici di etilene e propilene hanno esteso i loro aumenti nella terza settimana a causa del continuo aumento del petrolio e della domanda in rialzo. Nonostante le preoccupazioni sulla diffusione della variante Delta, la recente ripresa della domanda nei mercati dei derivati sembra prendere slancio.

Anche i prezzi della nafta sono in aumento, sostenuti dalla forza del prezzo del greggio, e continuano a spingere in rialzo i prezzi dell’etilene.

Tuttavia, i trader hanno osservato che gli aumenti dell’etilene sono rallentati dato che i prezzi erano già aumentati di $100/ton nelle ultime due settimane. Per quanto riguarda il propilene, i prezzi sono aumentati relativamente meno, ma continuano a crescere costantemente.

I prezzi spot dell’etilene si sono attestati a $985/ton CFR Cina e $955/ton CFR Sudest Asiatico il 6 luglio, in rialzo di $25/ton sulla settimana. I prezzi spot del propilene si sono attestati a $1015/ton CFR Cina e $985/ton CFR Sudest Asiatico, in rialzo di $15/ton sulla settimana.

Aumenti dovrebbero essere moderati

Mercato petrolio rimane volatile

I prezzi del petrolio sono diventati più volatili vista l’incertezza sulla produzione dell’OPEC+ dopo che i prezzi sono aumentati di oltre il 45% nei primi sei mesi del 2021. Nonostante il crescente ottimismo riguardo alle vaccinazioni in tutto il mondo e in Asia, la variante Delta e altre varianti hanno portato ad un aumento dei casi di coronavirus a livello globale e questo limiterà a sua volta la ripresa della domanda, secondo i player del mercato.

Olefine pronte ad avere un eccesso di offerta

GS Caltex (Corea del Sud) ha avviato il suo nuovo cracker ad alimentazione mista intorno al 18 giugno, ma per dei problemi tecnici il cracker è riuscito a produrre a pieno regime solo dall’inizio di luglio. Il cracker produce 750.000 ton/anno di etilene e 430.000 ton/anno di propilene. Anche LG Chemical ha raggiunto la produzione in specifica di 800.000 ton/anno di etilene nel suo cracker nafta a Yeosu l’11 giugno. Il cracker produce anche 400,000 ton/anno di propilene. La produzione è aumentata fino al 100% della capacità dall’inizio di luglio.

Essendo il principale importatore di etilene e propilene, la Cina aggiungerà 8 cracker di etilene nel 2021, con una capacità totale di etilene di 7,8 milioni di tonnellate. Ciò aumenterà la capacità di etilene della Cina a circa 40 milioni di tonnellate entro la fine di quest’anno, ossia un aumento stimato del 23% dal 2020.

Per quanto riguarda il propilene, Fujian Meide Petrochemical (Cina) ha avviato il suo nuovo impianto di PDH da 660.000 ton/anno a Fuzhou, Fujian, all’inizio di febbraio. Oriental Energy ha avviato il suo impianto PDH a Ningbo da 660.000 ton/anno alla fine di febbraio, aumentando la sua capacità totale di propilene a 1.86 milioni ton/anno. Per il 2021, la Cina aggiungerà altri quattro impianti PDH, con tutti e sei i nuovi impianti PDH che aggiungeranno un totale di circa 3,25 milioni di tonnellate di capacità aggiuntiva.

Etilene e propilene Asia rimangono in contango

I trader hanno affermato che il business per la prima metà di agosto e buona parte della seconda è stato chiuso a livelli più alti di $970-985/ton CFR NEA per l’etilene e di $1000-1015/ton CFR NEA per il propilene. I carichi CFR SEA sono stati commercializzati con uno sconto di $30-40/ton rispetto ai prezzi su base NEA.

Prezzi supportati da fermi impianto nel Q3 nel SEA, arbitraggio est-ovest

I prezzi asiatici del propilene continuano ad essere sostenuti dall’arbitraggio Asia-Europa. Ad oggi sono state spedite da 45.000 a 50.000 tonnellate di propilene dalla Corea del Sud, dal Sudest Asiatico e dalla Cina. Questa settimana, i player del mercato hanno sentito che un nuovo concorrente, trader cinese di GPL, Baker Oil ha trasferito 4.000 tonnellate di propilene in Europa. Ciò ha fatto notizia poiché i prodotti cinesi refrigerati non erano stati spediti fuori dalla Cina. Intanto, trader e fornitori stanno ancora negoziando carichi aggiuntivi che probabilmente verranno spediti ad agosto.

Per quanto riguarda l’etilene, tuttavia, ci saranno meno carichi extra regionali, ex USG/ex-Brasile che arriveranno in Asia poiché i prezzi USG sono aumentati. Il prezzo finito a circa $1100/ton CFR Asia è stato definito dai trader come proibitivo anche per i buyer a termine. Nel frattempo, circa 27.000-35.000 ton di carichi di etilene oltreoceano che erano stati spediti in precedenza, arriveranno in Asia ad agosto.

“Inoltre, dopo il termine dei fermi impianto programmati dei cracker nel Nordest Asiatico a luglio e nella 1° metà di agosto, il Sudest Asiatico inizierà i fermi impianto programmati per il terzo trimestre. Si stima che la produzione di etilene e propilene nel SEA verrà ridotta rispettivamente di circa 500.000 tonnellate e 400.000 tonnellate tra luglio e settembre. Ciò costituisce circa il 4% delle capacità totali di olefine nel SEA. Una potenziale carenza di offerta di olefine nel terzo trimestre eserciterà supporto sui prezzi su base SEA e vedrà anche pochi volumi, se non nessuno, esportati in Cina, il che sosterrà indirettamente i prezzi delle olefine su base NEA", ha affermato un trader.
Prova Gratuita
Login