Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Produttore PVC di Taiwan si prepara al 3° mese di cali per i mercati asiatici

di Shibu Itty Kuttickal - sikuttickal@chemorbis.com
  • 13/01/2022 (12:11)
La maggior parte dei player di PVC in Asia si aspetta che il principale produttore di Taiwan ridurrà le offerte di importazione di febbraio a prezzi più bassi rispetto a gennaio, con alcuni che prevedono tagli fino a $100/ton per il sentimento ancora debole.

Il produttore, le cui offerte mensili di PVC sono considerate un punto di riferimento per il mercato asiatico, a metà dicembre aveva tagliato le offerte di gennaio di $120-130/ton per i mercati indiano e cinese a $1590/ton CIF India e a $1360/ton CFR Cina, senza sconti sui volumi.

“Il produttore di Taiwan vuole aspettare e monitorare il mercato per qualche altro giorno. È preoccupato per il rapido aumento dei casi di COVID-19 in India e dei nuovi focolai in alcune città cinesi”, ha affermato un trader in Cina.

Nuove offerte attese per il 18 gennaio

Il produttore avrebbe dovuto annunciare le offerte di febbraio nella seconda settimana di gennaio, di martedì, ma i player hanno riferito che i nuovi prezzi potrebbero essere annunciati il 18 gennaio. I player hanno affermato che la società probabilmente ha rimandato l’annuncio a causa del mercato debole e dell’assenza di attività.

In India, i prezzi del PVC K67 di importazione sono stati riportati stabili questa settimana a $1500-1590/ton CIF, cash. Questa settimana ha visto anche le offerte per PVC K67 di importazione restare stabili a $1340-1400/ton su base CIF Cina, cash. Il Price Wizard di ChemOrbis mostra che i prezzi del PVC di importazione sono diminuiti di $35/ton sul mese, mentre i prezzi di importazione in Cina e Sudest Asiatico sono diminuiti di oltre $100/ton nello stesso periodo.



Sentimento dei player indiani resta debole

“Il produttore di Taiwan dovrà ridurre i prezzi di circa $100/ton”, ha affermato un trader in India. “Non vediamo molto interesse all’acquisto al momento perché le persone ritengono che ci sia ancora spazio per nuovi cali”.

“Inoltre, potrebbe esserci poco interesse all’acquisto anche a febbraio perché il produttore ha già venduto parte delle allocazioni mensili con i carichi di gennaio, per via del Capodanno cinese che cadrà nella prima metà di febbraio”, ha aggiunto. Le richieste per marzo potrebbero restare basse perché l’anno finanziario indiano si avvia verso la fine, il 31 marzo, e le società tendono a mantenere le scorte basse in quel periodo.

Per il calo minore dei prezzi di importazione in India rispetto a Cina e SEA, una fonte di un produttore indiano ha affermato che la maggior parte dei buyer ha continuato ad aspettare che i prezzi diminuissero ancora per le preoccupazioni relative alla diffusione del COVID-19 e alla variante Omicron. “I prezzi non sono diminuiti di quanto speravamo e i buyer delle importazioni sono rimasti per lo più fermi. Hanno acquistato solo per coprire le immediate necessità”.

“A inizio dicembre abbiamo visto i venditori domestici offrire con forti sconti. Ma abbiamo notato che anche i buyer locali sono inattivi al momento”, ha commentato un produttore locale. Le attività nel mercato domestico sono state calme anche perché i venditori avevano ancora il materiale prenotato prima di dicembre a prezzi superiori ai $1700/ton CIF India. “Stanno cercando di ridurre le perdite il più possibile nei mercati locali. Quindi gli acquisti import sono stati scarsi”, ha affermato la fonte.

La direzione è al ribasso, affermano i player in Cina, SEA

Le attese dei player cinesi e del Sudest Asiatico sono di tagli di $50-100/ton. “Vorremmo farci ancora un’idea questa settimana prima di esprimere attese. Dopo essere rientrati dalle ferie, alcuni mercati regionali si fermeranno per una lunga pausa per il Capodanno cinese. È meglio aspettare e osservare ma ci aspettiamo che il produttore di Taiwan annunci ulteriori tagli per febbraio”, ha affermato un trader in Vietnam.

“Il produttore vietnamita ha posticipato gli annunci perché il sentimento del mercato è troppo debole al momento. Le trattative chiuse sono una rarità. I clienti vogliono vedere ancora cali”, ha affermato un trader in Cina. Un piccolo produttore di PVC a Taiwan ha affermato che tutti concordano sul calo dei prezzi ma hanno attese diverse circa l’entità dei tagli. “Alcuni si aspettano cali di $80/ton, altri di $100/ton”, ha aggiunto.
Prova Gratuita
Login