Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Produttori europei PVC non generosi in Turchia: Prezzi in rialzo del 21% sul mese

di Merve Madakbaşı - mmadakbasi@chemorbis.com
  • 12/06/2020 (11:35)
Il mercato del PVC di importazione in Turchia è rimbalzato dai minimi degli ultimi dodici anni a metà maggio, con una rapida risposta agli aumenti dei mercati globali. L’inversione di tendenza è stata causata dalla ripresa dei consumi in Asia in cui le nazioni, compreso il mercato chiave dell’India, hanno gradualmente messo fine ai lockdown dovuti al virus.

Le esportazioni in calo da Europa e USA verso la Turchia hanno fatto sì che gli aumenti acquisissero velocità a giugno, in concomitanza con a il recupero dei mercati dei prodotti finite in Turchia .

*Clicca il tasto destro per visualizzare l’immagine a schermo intero in un’altra scheda.



K67 europeo tocca la soglia degli $800/ton CFR Turchia e la supera

I prezzi in rialzo del PVC in Cina e Sudest Asiatico con spedizione a luglio hanno favorito il trend rialzista, tra domanda vivace e prezzi in forte aumento a livello globale. La mancanza di allocazioni sufficienti dagli USA per giugno si è aggiunta agli aumenti senza sosta in Turchia.

Le offerte di PVC k67 europeo sono state riportate con aumenti di $60/ton settimana su settimana a $800-810/ton CIF Turkey, cash, esenti da dazio, in seguito alle trattative chiuse a $750/ton solo una settimana fa. Gli ultimi aumenti hanno spinto il mercato del k67 esente da dazio ai massimi degli ultimi tre mesi, mentre l’incremento complessivo ha superato il 20% da metà maggio.

Allocazioni export ridotte dall’Europa in primo piano tra i player di PVC

I grandi trasformatori hanno confermato di non essere riusciti a ricevere nuove offerte dai loro fornitori europei. I produttori di profili hanno lamentato “L’offerta è piuttosto bassa mentre inostri fornitori regolari non hanno risposto alle nostre richieste, indicando la mancanza di materiale come causa. Inoltre, le fonti di Corea, Russia e Ucraina hanno spostato i loro carichi in altri mercati, tra cui l’ India, per la buona domanda e alcuni fermi impianto.

Le fonti regionali non sono state generose nell’offrire allocazioni alla Turchia. “La Turchia potrebbe essere stato il cliente meno proficuo per un certo periodo di tempo e questo ha portato a forti aumenti a seguito del mercato debole di marzo e aprile”, ha osservato un trader.


Etilene mette fine a tre mesi di cali, supporta i venditori

Il contratto dell’etilene in rialzo è stato indicato come una delle cause dell’attitudine rialzista dei fornitori. Il contratto del monomero è stato siglato in rialzo per giugno, dopo diminuzioni consecutive da marzo a maggio.

I player in Europa hanno riportato a ChemOrbis, “Anche se la domanda di PVC è inferiore rispetto ai livelli pre-COVID, mostra segni di recupero in questi giorni. Le trattative di PVC hanno assorbito la metà dell’incremento dell’etilene nella maggior parte dei casi”. Oltre al trend rialzista, diversi produttori hanno continuato a far funzionare i loro impianti a tassi ridotti.


Riaperture dei mercati domestici ed esteri danno una spinta alla domanda dei prodotti finiti

I trasformatori hanno confermato lo stato del mercato, mentre hanno riportato un incremento della domanda di prodotti finiti, comprese porte e pavimenti. La ripresa è stata attribuita alla graduale riapertura dei mercati dell’export oltre alla revoca delle misure anti-COVID-19 in Turchia dal 1° giugno.

Un buyer ha affermato “Tre banche statali hanno ridotto i tassi di interesse sui prestiti e hanno contribuito a un calo delle case in vendita. La domanda di tubi e altre applicazioni è aumentata. Tuttavia, il settore degli immobili avrà bisogno di nuovi progetti sul lungo termine, per le sfide legate all’economia dovute all’innegabile impatto della pandemia. In caso contrario, i prezzi di PVC dovranno vedere una correzione a un certo punto”.
Prova Gratuita
Login