Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Produttori petrolchimici sauditi annunciano risultati finanziari Q3

  • 20/10/2016 (10:55)
Diversi produttori petrolchimici dell’Arabia Saudita hanno annunciato i risultati finanziari per il terzo trimestre dell’anno. La maggior parte dei produttori ha registrato un miglioramento dei margini, supportato dal calo dei costi delle materie prime e dall’aumento dei volumi di vendita, mentre il calo dei prezzi dei prodotti e la domanda globale debole hanno portato a risultati più deboli per uno dei produttori sauditi.

L’utile netto di SABIC è calato del 6.8% sull’anno a 5.22 miliardi di riyal ($1.39 miliardi) nel periodo luglio-settembre, rispetto a 5.60 miliardi di riyal ($1.49 miliardi) nello stesso periodo del 2015. Tuttavia, l’utile netto per il terzo trimestre ha battuto le stime degli analisti che si aspettavano in media un utile netto di 5.05 milioni di riyal ($1.34 milioni). Secondo i dati di Reuters questo è l’ottavo trimestre consecutivo di diminuzioni.

I deboli risultati finanziari del produttore per il trimestre sono dovuti al calo dei prezzi dei prodotti e alla diminuzione dei volumi di vendita, che hanno reso nullo il vantaggio dei costi dei feedstock più bassi. Inoltre, i risultati finanziari del produttore sono stati negativamente colpiti dal calo dei prezzi del petrolio e dal rallentamento della crescita economica globale. Le vendite della società tra luglio e settembre sono state riportate a 33.31 miliardi di riyal ($8.88 miliardi), in calo del 10.8% da 37.35 miliardi di riyal nello stesso periodo del 2015.

Tuttavia, Saudi Kayan Petrochemical Co, una consociata di Saudi Basic Industries Corporation (SABIC), ha riportato un utile netto di 156.32 milioni di riyal ($41.7 milioni) tra luglio e settembre, rispetto alla perdita di 13.81 milioni di riyal ($3.68 milioni) nello stesso periodo del 2015.

Intanto, anche l’utile netto di una consociata della società dell’Arabia Saudita Saudi Basic Industries Corp (SABIC), Yanbu National Petrochemical Co. (Yansab), è più che raddoppiato nel periodo luglio-settembre. La società ha infatti registrato un utile netto di 607.6 milioni di riyal ($162.1 milioni) nel terzo trimestre dell’anno, in rialzo rispetto all’utile etto di 301.7 milioni di riyal nello stesso periodo del 2015. Tuttavia, le stime medie degli analisti erano per un utile di 624.7 milioni di riyal per il terzo trimestre in un sondaggio condotto da Reuters.

Anche la società dell’Arabia Saudita National Industrialization Company (Tasnee) ha registrato un utile netto di 122.2 milioni di riyal ($32.6 milioni) nel periodo luglio-settembre, supportato dal calo dei costi dei feedstock e dalle vendite più forti che hanno controbilanciato gli effetti dei prezzi dei prodotti più bassi. Prima di registrare guadagni nel secondo trimestre, la società aveva riportato perdite nette in ogni trimestre del 2015 e nel primo di quest’anno. Tasnee aveva inoltre riferito di aver adottato delle misure per ridurre i costi, come tagliare il 25% del personale.

Secondo fonti di mercato, anche Sahara Petrochemicals Company ha annunciato i risultati finanziati per il terzo trimestre del 2016. L’utile netto di Sahara è calato del 13% sull’anno a SAR 105.3 milioni ($28 milioni) nel periodo luglio-settembre, a causa della diminuzione delle vendite e dell’aumento delle spese. Le vendite della società sono calate del 16% nel terzo trimestre.

Prova Gratuita