Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Qatar rimanda progetto di espansione per surplus di offerta

di Ufficio Redazione ChemOrbis - content@chemorbis.com
  • 27/10/2014 (11:54)
Il Qatar ha intenzione di cancellare i progetti di espansione delle capacità di polimeri, secondo fonti di mercato. Il surplus di offerta di polimeri starebbe danneggiando i margini dei produttori, portando il paese a guardare verso altri petrolchimici.

Lo scorso mese la Industries Qatar aveva annunciato la cancellazione del grande progetto del complesso petrolchimico di Al-Sejeel ed era alla ricerca di nuovi derivati in cui investire. Il complesso sarebbe dovuto essere completato nel 2018 e avrebbe avuto un cracker da 1.4 milioni ton/anno di etilene e impianti di PP e PE.

I player hanno osservato che il Medio Oriente vedrà a breve nuove capacità di polimeri nel breve termine, come il complesso Borouge 3 degli Emirati Arabi Uniti nei prossimi mesi, seguito dal complesso di Sadara in Arabia Saudita nel 2015.

Il paese ha intenzione di investire $25 miliardi per espandere la capacità petrolchimica a 23 milioni ton entro il 2020 dai 16.8 milioni ton del 2012, secondo i media. Nei prossimi anni due impianti di petrolchimici saranno inaugurati in Qatar, Al-Karaana and Ras Laffan Gasoline e l’Aromatics Project (RLGAP). Nessuno dei due complessi produrrà polimeri. Il progetto di Al-Karaana project, una joint venture tra Shell e Qatar Petroleum (QP), sarà in grado di produrre 1.5 milioni ton/anno di MEG. L’impianto dovrebbe essere attivo nella seconda metà del 2018. RLGAP dovrebbe produrre 1.304 milioni ton/anno di PX e 890,000 ton/anno di benzene.
Prova Gratuita
Login