Skip to content




Mercati

Asia Pacifico

  • Cina
  • SEA & India
  • (Indonesia, Vietnam, Malaysia, Singapore, Philippines, Thailand, India)
  • Europa

  • Italia
  • Nord Europa
  • (Austria, Belgio, France, Germania, Paesi Bassi, Svizzera)
  • Africa

  • Egitto
  • Africa
  • (Algeria, Tunisia, Libya, Marocco, Nigeria, Kenya, Tanzania, Sudafrica)

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Repsol, perdita di €1.2 miliardi per calo prezzi del petrolio

di Ufficio Redazione ChemOrbis - content@chemorbis.com
  • 29/01/2016 (11:41)
Secondo quanto riportato dai media, la società della Spagna Repsol ha annunciato una svalutazione di €2.9 miliardi ($3.2 miliardi) sui suoi risultati finanziari per il 2015, a causa del calo dei prezzi del petrolio, portando ad una perdita di €1.2 miliardi ($1.3 miliardi). A ottobre, Repsol aveva annunciato una strategia di budget basandosi su una media di $50/barile per i prezzi del petrolio. Tuttavia, la strategia è stata aggiornata, considerando che i costi del greggio sono attualmente riportati vicino alla soglia di $30/barile.

L’utile netto rivisto della società per il 2015, esclusa la svalutazione, è salito dell’8% a circa €1.85 miliardi ($2 miliardi), mentre il debito è sceso di oltre €1 miliardo alla fine dell’anno.

Repsol sta al momento cercando di velocizzare la vendita degli asset e il taglio degli investimenti, oltre a risparmiare sui costi. La società ha affermato che la spesa totale di capitale per il 2016 sarà di circa €4 miliardi ($4.4 miliardi), mentre gli investimenti verranno ridotti ulteriormente del 20%.

In precedenza, la società aveva riportato, nel suo piano strategico per il periodo 2016-2020, che aveva intenzione di vendere €6.2 miliardi di asset ($7.1 miliardi) entro il 2020, oltre a tagliare gli investimenti del 38% nei prossimi cinque anni per proteggere i dividendi dal calo dei costi del petrolio.
Prova Gratuita
Login