Skip to content




Mercati

Asia Pacifico

  • Cina
  • SEA & India
  • (Indonesia, Vietnam, Malaysia, Singapore, Philippines, Thailand, India)
  • Europa

  • Italia
  • Nord Europa
  • (Austria, Belgio, France, Germania, Paesi Bassi, Svizzera)
  • Africa

  • Egitto
  • Africa
  • (Algeria, Tunisia, Libya, Marocco, Nigeria, Kenya, Tanzania, Sudafrica)

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:

Sentimento ribassista pervade mercati PP, PE MO a maggio; occhi su outlook di giugno

di Nada Samir - nada@chemorbis.com
di Esra Ersöz - eersoz@chemorbis.com
  • 22/05/2024 (12:10)
I player nei mercati del PP e del PE del Medio Oriente hanno ricevuto le offerte di maggio principalmente con lievi cali e alcuni sporadici rollover rispetto ad aprile. Questo è il secondo mese consecutivo in cui il sentimento rimane debole nella regione per via della dell’allentamento della disponibilità. L’attenzione è ora rivolta verso giugno per via delle domande se i mercati seguiranno il trend rialzista globale, o se le festività imminenti ostacoleranno ulteriormente la domanda, mantenendo i prezzi in calo.

Mercati sauditi in calo a maggio per la 1ª volta da febbraio, tranne l’LDPE

In Arabia Saudita , le offerte di maggio da parte di un importante produttore domestico hanno indicato cali di SAR75/ton ($20/ton) per il PE; ad eccezione dei prezzi dell’LDPE che sono rimasti invariati. Inoltre, le offerte di PP hanno indicato cali di SAR73-109/ton ($19-29/ton) rispetto ai livelli di aprile dopo tre mesi consecutivi di aumenti.

Secondo fonti del settore, SEPC (Saudi Ethylene and Polyethylene Company) ha chiuso la sua unità di LDPE alla fine di aprile per manutenzione e questa potrebbe essere considerata la ragione dei prezzi stabili dell’LDPE.

D’altra parte, i player hanno riportato un’offerta di PP buona in Arabia Saudita poiché Advanced, Al-Waha e Yanpet hanno tutte ripreso le attività dopo i fermi impianto entro fine aprile. “L’attività di trading è migliorata leggermente. I buyer hanno bisogno di rifornire le loro scorte, ma sono riluttanti a impegnarsi in acquisti di grandi volumi per via dell’attuale incertezza”, ha commentato un distributore.

Import in calo negli EAU, prezzi PP locali stabili per 2° mese

Anche i produttori del Medio Oriente hanno optato per riduzioni di prezzo negli Emirati Arabi Uniti. I principali fornitori regionali hanno applicato da rollover a cali di $20/ton sul PE e riduzioni di $20-40/ton sul PP rispetto agli ultimi livelli di aprile.

Come nota a margine, le offerte di maggio nel mercato locale sono emerse con rollover rispetto ad aprile, segnando il secondo mese di stabilità. Il produttore ha ripreso le attività verso metà aprile in seguito a un fermo impianto per manutenzione. “La domanda ha visto un miglioramento a causa della minore offerta in pronta consegna; tuttavia, i margini dei prodotti finiti sono diminuiti contemporaneamente”, ha commentato una fonte locale.

Domanda fiacca, problemi politici mantengono sentimento ribassista nel Mediterraneo orientale

Nella regione del Mediterraneo orientale, le offerte di PP e PE di un importante produttore saudita alla Giordania sono state annunciate con cali minori rispetto ai range di aprile. I player hanno riferito che l’attività di trading è rimasta scarsa per via della tensione politica crescente nella regione.

I player in Libano hanno ricevuto le offerte di PP e PE di maggio da parte di un produttore saudita con cali di $20/ton rispetto ai livelli di aprile. I player si sono lamentati del fatto che le infrastrutture del Libano stanno subendo perdite drammatiche a causa della guerra in corso nella regione, ostacolando ulteriormente l’economia del paese. Infatti, gli acquisti sono rimasti legati alle necessità immediate.

Ci saranno ulteriori cali a giugno?

I player nella regione prevedono che i prezzi della resina restino in calo a giugno, con la domanda dei derivati lenta considerata un fattore principale alla base del trend ribassista, soprattutto con le lunghe festività dell’Eid al-Adha a giugno. Nonostante le richieste di aumento viste negli altri mercati globali, i player non hanno trovato fattibili i tentativi di aumento considerando lo stato della domanda dei derivati, le tensioni politiche e l’avvicinarsi della festività dell’Eid al-Adha”, ha commentato una fonte regionale. Anche i mercati delle materie prime stanno supportando le possibile richieste di aumento dei venditori; tuttavia, il rimbalzo in Asia e in parte in Turchia potrebbe porre un limite al sentimento ribassista il mese prossimo.

Prova Gratuita
Login