Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Società NOC (Libia) dichiara forza maggiore su esportazioni petrolio dopo chiusura diversi porti

di Ufficio Redazione ChemOrbis - content@chemorbis.com
  • 20/01/2020 (18:09)
Secondo un comunicato stampa rilasciato il 18 gennaio, la società petrolifera statale National Oil Corporation (NOC) in Libia ha dichiarato forza maggiore sulle esportazioni di petrolio dopo che le forze di Khalifa Haftar hanno ordinato la sospensione dei porti petroliferi nella Libia orientale e centrale a causa delle tensioni politiche.

Le esportazioni di petrolio dai porti di Brega, Ras Lanuf, Hariga, Zueitina e Sidra sono state bloccate portando a una maggiore crisi per la Libia, dove il petrolio è descritto come la “linfa vitale dell’economia”.

La società NOC ha rilasciato un comunicato stampa in cui accusa il blocco e afferma, “Se la chiusura verrà prolungata, potremmo trovarci di fronte a un crollo del tasso di cambio, a un enorme e insostenibile aumento nel deficit nazionale, alla partenza di costruttori stranieri e alla perdita della produzione futura che potrebbe impiegare anni prima di essere ripristinata”.

Questo blocco porterà alla perdita di 800,000 barili/giorno della produzione complessiva di petrolio del paese e a $55 milioni di perdita finanziaria al giorno, ha affermato la NOC nel comunicato. La produzione giornaliera di petrolio della società di solito si attesta a 1.3 milioni di barili.
Prova Gratuita
Login