Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Società petrolchimiche europee: risultati finanziari in calo nel 2018

di Merve Madakbaşı - mmadakbasi@chemorbis.com
  • 01/03/2019 (12:30)
Le maggiori società petrolchimiche hanno annunciato i loro risultati finanziari per l’intero anno 2018. Le società hanno registrato utili in calo lo scorso anno a causa di una serie di fattori.

Questi fattori includono il lungo periodo in cui le acque del fiume Reno sono rimaste basse e le interruzioni che hanno influito negativamente sui volumi di produzione e sui margini in calo delle poliolefine integrate. Anche le incertezze causate da Brexit hanno ostacolato le attività nei mercati chimici e petrolchimici della regione.

Vendite in crescita non portano a maggiori utili

BASF

L’utile della società dalle operazioni (EBIT) prima dei prodotti speciali è diminuito di oltre il 15% a €6.4 miliardi ($7.2 miliardi), rispetto all’anno precedente, nonostante una crescita del 2% delle vendite rispetto all’anno precedente.

Secondo BASF, un rallentamento dell’economia nel settore dell’automotive, il settore più grande, ha colpito negativamente i risultati della società, mentre la domanda in calo dalla Cina per lo scontro commerciale con gli USA ha avuto un impatto negativo sui risultati finanziari dell’anno.

SOLVAY

Nell’intero anno, gli utili netti della belga Solvay sono diminuiti del 19% a €858 milioni ($975 milioni), a causa dei costi di ammortamento e ristrutturazione, nonostante la crescita delle vendite.

La società ha dichiarato che il business dei polimeri speciali ha portato a una solida crescita dei volumi nella prima metà dell’anno. La domanda dai mercati del medicale e dell’automotive ha dato segnali di indebolimento a fine anno.

BOREALIS

Nel 2018, Borealis ha annunciato un utile netto di €906 milioni ($1.02 miliardi) rispetto ai €1.09 miliardi ($1.23 miliardi) del 2017. I risultati in calo sono dovuti ai margini in calo delle poliolefine integrate, nonostante le vendite in crescita.

INEOS

INEOS ha annunciato che l’EBITDA della società è diminuito dell’11% a €2.28 miliardi ($2.58 miliardi) rispetto ai €2.52 miliardi ($2.85 miliardi) del 2017.

La società ha attribuito i risultati in calo alle perdite registrate nei segmenti Olefins and Polymers (O&P) a causa della forte diminuzione dei prezzi del petrolio e dei prodotti nell’ultimo trimestre dell’anno.

La domanda forte di olefine è stata in parte eclissata dalla domanda più debole degli aromatici, mentre i volumi delle olefine sono stati influenzati pesantemente dai livelli bassi del fiume Reno. La società ha aggiunto che la crescente concorrenza da parte dei prodotti di importazione ha fatto diminuire i margini sui polimeri, nonostante la domanda buona in Europa.

Valute locali deboli hanno pesato sui risultati

SIBUR

Gli utili della società russa SIBUR nel 2018 sono aumentati del 25% a RUB568.6 miliardi ($8.6 miliardi) grazie alle dinamiche positive dei prezzi dei petrolchimici. Gli utili dal segmento Olefins and Polyolefins sono aumentati del 14.4% anno su anno. Questo è dovuto soprattutto ai prezzi favorevoli di PP e BOPP-film, mentre ha in parte compensato il calo degli utili dalle vendite di LDPE.

Tuttavia gli utili netti sono diminuiti del 7.9% anno su anno a RUB 110.8 miliardi ($1.7 miliardi) nel 2018 a causa della svalutazione del rublo russo contro l’euro e il dollaro USA.

I volumi di vendita del PP di SIBUR sono diminuiti del 2.5% anno su anno a causa di un fermo impianto per manutenzione di Tobolsk. Le vendite di PE della società sono diminuite del 2.2% lo scorso anno per un fermo impianto per manutenzione a Tomsk.

Prova Gratuita