Skip to content




Mercati

Asia Pacifico

  • Cina
  • SEA & India
  • (Indonesia, Vietnam, Malaysia, Singapore, Philippines, Thailand, India)
  • Europa

  • Italia
  • Nord Europa
  • (Austria, Belgio, France, Germania, Paesi Bassi, Svizzera)
  • Africa

  • Egitto
  • Africa
  • (Algeria, Tunisia, Libya, Marocco, Nigeria, Kenya, Tanzania, Sudafrica)

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Stats: Import PE 2023 della Cina interrompono calo di due anni nonostante rapida crescita di capacità domestiche

di Elif Sevde Yalçın - eyalcin@chemorbis.com
di Esra Ersöz - eersoz@chemorbis.com
  • 19/02/2024 (10:49)
Le importazioni annuali di PE della Cina hanno registrato un aumento marginale dell’1% nonostante le oltre 5 milioni di ton di capacità produttiva domestica aggiunte nel corso del 2023. Questo minimo aumento è ancora interessante poiché c’è stato un calo annuo significativo del 20% nel 2021 e del 7% nel 2022. Nel frattempo, tutti i principali fornitori di importazione hanno perso quote di mercato, ad eccezione degli Stati Uniti, che hanno aumentato le vendite in Cina di oltre il doppio.

Perché le import cinesi non sono diminuite nel 2023, contrariamente alle aspettative?

L’aumento delle importazioni del 2023 – anche se minimo – ha interrotto il calo di due anni delle importazioni cinesi di PE a 14.3 milioni di ton, mentre le esportazioni hanno raggiunto il massimo storico con un aumento annuo del 16% a 847,000 ton, ancora inferiore rispetto alle importazioni.

Sebbene la Cina abbia aggiunto una notevole quantità di capacità di PE dal 2020, l’eccesso di offerta è stato evitato grazie a diffusi tagli alla produzione e in parte all’aumento delle esportazioni. Secondo le Notizie di Produzione Pro di ChemOrbis, la Cina ha ridotto più offerta di quanta ne abbia aggiunta nel corso dello scorso anno per controbilanciare la domanda più debole per via di una crescita economica vacillante. Questo potrebbe essere il motivo per cui le importazioni complessive non sono diminuite nei due anni precedenti.

Inoltre, tutti i principali fornitori, ad eccezione degli Stati Uniti, hanno subito perdite di quote di mercato nel mercato cinese del PE di importazione. Le importazioni dagli Stati Uniti sono più che raddoppiate a circa 2.6 milioni di ton. A questo proposito, si può anche sostenere che se non fosse stato per il potere competitivo degli Stati Uniti, le importazioni di PE dalla Cina non avrebbero potuto registrare questo lieve aumento.

Import – Export- China – PE

In che modo gli USA hanno spodestato l’Arabia Saudita?

Gli Stati Uniti d’America sono diventati il principale fornitore di PE della Cina nel 2023 con circa 2.6 milioni di ton detenendo una quota di mercato del 18% nel mercato complessivo del PE di importazione. Nel 2022 gli Stati Uniti non erano nemmeno tra i primi cinque fornitori mentre il 2023 ha visto gli Stati Uniti registrare un aumento enorme del 141%. La domanda che fa venire i brividi è: come hanno fatto gli Stati Uniti a fare questo per via di tutte le nuove capacità aggiunte all’interno della Cina?

Il vantaggio competitivo dell’etano e le nuove capacità costruite negli Stati Uniti hanno aiutato i venditori a ridurre i prezzi nei mercati di esportazione in particolare in Cina.

Nel frattempo, l’Arabia Saudita ha perso il suo posto come principale fornitore tradizionale e si è classificata al secondo posto per la prima volta dal 2016. La quota di mercato dell’Arabia Saudita nel mercato cinese del PE di importazione è scesa al 17.5% nel 2023 dal 19.6% osservato nel 2022. Sebbene l’Arabia Saudita utilizzi anche l’etano come materia prima per produrre etilene e quindi PE, la capacità installata dagli Stati Uniti è tre volte superiore a quella dell’Arabia Saudita, secondo le Notizie di Produzione Pro di ChemOrbis. Quando vengono analizzate anche le dimensioni delle loro esportazioni, lo Stats Wizard Pro di ChemOrbis mostra anche che gli Stati Uniti sono un esportatore di PE due volte più grande.


EAU, Corea del Sud perdono entrambe le loro quote di mercato in Cina, perdita dell’Iran netta

Nel frattempo, per quanto riguarda i principali fornitori di PE della Cina nel 2023, gli Stati Uniti e l’Arabia Saudita sono stati seguiti da Emirati Arabi Uniti, Corea del Sud e Iran con quote di mercato rispettivamente dell’11.2%, 9.1% e 9%. Le importazioni dagli Emirati Arabi Uniti sono diminuite del 17%, mentre la Corea del Sud è scesa del 7% su base annua.

In questo caso, l’Iran deve concentrarsi in particolare in termini di esportazioni di PE verso la Cina, poiché anche nel 2023 ha registrato un forte calo del 36% rispetto al 2022. Nel 2022, l’Iran è stato il secondo fornitore di PE della Cina con una quota di mercato del 14.3%. Tuttavia, è arrivato dopo gli Emirati Arabi Uniti e la Corea del Sud al quinto posto nel 2023, con un calo del 5.3% della sua quota di mercato nel mercato cinese del PE di importazione.

Suddivisione del prodotto: Import HDPE in calo, import LLDPE in rialzo

Le importazioni cumulative di HDPE della Cina nel 2023 sono visibilmente diminuite di quasi il 13% rispetto al 2022, attestandosi a 5.1 milioni di ton. Inoltre, le importazioni cinesi di HDPE sono in costante calo dal 2020, quando hanno raggiunto il massimo mai registrato.

Arabia Saudita ha mantenuto il suo posto come primo fornitore di HDPE, al contrario di LLDPE e LDPE

L’Arabia Saudita è rimasta il principale fornitore di HDPE della Cina nel 2023 con 960,192 ton e una quota di mercato del 18.6%, mentre gli Emirati Arabi Uniti hanno anche mantenuto la loro seconda posizione tra i primi cinque importatori con la loro quota di mercato del 17.8%. Tuttavia, entrambi hanno perso circa il 3% delle loro quote di mercato rispetto al 2022.

Sono stati seguiti da Stati Uniti, Corea del Sud e Iran. La Russia ha perso il suo posto tra i principali fornitori di HDPE con un calo notevole. Il paese è diventato il decimo fornitore nel 2023, in calo rispetto al quinto del 2022. Il terzo più grande fornitore di HDPE della Cina nel 2023 è stato senza sorpresa gli Stati Uniti, salendo nella lista dal sesto posto nel 2022. Inoltre, gli Stati Uniti hanno aumentato la loro quota di mercato nel mercato cinese dell’HDPE di quasi l’11% dal 2022 a quasi il 15% nel 2023.

Import LDPE leggermente in rialzo nel 2023; Iran è rimasto il primo fornitore anche se con grossa perdita di quota di mercato

Nel 2023, le importazioni di LDPE in Cina hanno registrato un piccolo aumento di quasi il 2% rispetto al 2022, attestandosi a 3 milioni di ton. L’Iran è rimasto il principale fornitore di LDPE della Cina nel 2023 con una quota di mercato del 24.5%, indicando un calo di circa il 7% rispetto al 2022.

L’Iran è stato seguito da Stati Uniti, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti e Qatar. Gli Stati Uniti, ancora una volta, sono saliti in prima linea aumentando le importazioni di LDPE in Cina dal 2020 e sono riusciti a conquistare il secondo posto dell’Arabia Saudita nel 2023. La quota di mercato degli Stati Uniti nel mercato cinese dell’LDPE importato è salita a circa il 18%, indicando un aumento di circa il 6% rispetto al 2022.

LLDPE USA spodesta Arabia Saudita e Singapore

L’LLDPE, a differenza degli altri gradi, ha registrato un sorprendente aumento del 15% nel 2023 rispetto al 2022, con un volume cumulativo di importazioni pari a 5.1 milioni di ton. Le importazioni di LLDPE in Cina, proprio come gli altri gradi, hanno registrato un calo costante dal 2020.

Nel 2023, gli Stati Uniti hanno superato sia l’Arabia Saudita che Singapore e sono diventati i principali fornitori di LLDPE della Cina nel 2023. Il volume complessivo di LLDPE importato dagli Stati Uniti si è attestato a 1.2 milioni di ton. Gli Stati Uniti hanno aumentato la loro quota di mercato nel mercato cinese delle importazioni di LLDPE a quasi il 24% dal 14% dell’anno precedente. Arabia Saudita, Singapore, Tailandia ed Emirati Arabi Uniti sono stati gli altri maggiori fornitori dell’anno scorso.

Cosa accadrà nel 2024?

L’economia cinese ha mostrato una prestazione più lenta del previsto, suggerendo che non c’è una crescita promettente della domanda. Se non rimarranno stabili, le importazioni dovrebbero subire un nuovo calo quest’anno, in particolare se si considerano le nuove capacità in arrivo all’interno della Cina.

Di conseguenza, i fornitori di PE prevalenti in tutto il mondo dovranno affrontare un ambiente sempre più competitivo. L’Arabia Saudita, la Corea del Sud, l’Iran e gli Emirati Arabi Uniti dovranno competere con esportazioni aggressive dagli Stati Uniti nel 2024, tenendo presente la possibilità di affrontare ulteriori perdite di quote di mercato. Dovranno concentrarsi su destinazioni alternative per dirottare le loro vendite.

La Cina, allo stesso tempo, dovrà continuare a ridurre i tassi di produzione degli impianti esistenti per essere in grado di assorbire le nuove capacità in un contesto di crescita in stallo della domanda.



*Stats Wizard Pro di ChemOrbis: il 2022 è a sinistra, il 2023 a destra. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulle immagini e aprirle in una nuova scheda per visualizzare le istantanee a grandezza naturale



Prova Gratuita
Login