Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Stats: Import polimeri Turchia 1° semestre sfidano pandemia, toccano massimi di sempre

di Merve Madakbaşı - mmadakbasi@chemorbis.com
  • 30/07/2020 (17:44)
Le importazioni complessive di polimeri in Turchia hanno ammontato a 2,634,000 tons nei primi 6 mesi del 2020, un aumento dell’8.7% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Il volume ha indicato il massimo livello per questo periodo particolare da quando ChemOrbis ha iniziato a raccogliere dati statistici nel 2000.

Questo è stato notevole considerando l’impatto negativo della pandemia di COVID-19 sul commercio di marzo e aprile, quando i mercati dei polimeri sono stati duramente colpiti dalle difficoltà dei coprifuoco legati al virus.


L’economia della Turchia ha iniziato a riprendersi a maggio, giusto prima di un processo di normalizzazione iniziato il 1° giugno. Segnali di miglioramento sono stati anche rispecchiati dai dati economici positivi provenienti dalla produzione, dall’utilizzo della capacità così come dal rimbalzo delle vendite nel settore elettrodomestici, auto e costruzioni negli ultimi due mesi.

I migliori 5 fornitori di polimeri sono stati l’Arabia Saudita (534,326 tons), la Corea del Sud (261,048 tons), gli USA (210,070 tons), il Belgio (132,962 tons) e la Russia (121,490 tons) durante la prima metà dell’anno.

Importazioni PP in 1ª semestre in rialzo dell’11% anno su anno

Secondo le Statistiche di ChemOrbis, le importazioni di PP omo della Turchia si sono avvicinate a 950,000 tons nel periodo tra gennaio e giugno, in rialzo dell’11.2% rispetto alla prima metà del 2019. Questo ha rappresentato il volume più alto in 2 decenni.

Nei primi 6 mesi di quest’anno, l’Arabia Saudita è stata il maggiore fornitore della Turchia con oltre 290,000 tons di importazioni di PP omo nel complesso, seguita da Corea del Sud (quasi 88,000 tons) e Russia (83,000 tons).

In modo simile, le importazioni di PP copolimero hanno raggiunto il massimo volume nella 1ª metà dell’anno degli ultimi 7 anni, attestandosi a 170,000 tons, secondo i dati di ChemOrbis. Il dato era in rialzo dell’11.1% rispetto alla prima metà del 2019.



Importazioni PVC si avvicinano a 310,000 tons, Francia rimane al primo posto

Le importazioni complessive di S-PVC della Turchia sono aumentate circa del 2% anno su anno a 308,000 tons nella prima metà del 2020. La Francia ha continuato a tenere il comando con più di 60,000 tons di esportazioni di PVC verso la Turchia, seguita da Spagna (31,425 tons) e Messico (28,293 tons). Gli USA si sono classificati come quarto maggiore fornitore con una quantità leggermente inferiore a 20,000 tons di esportazioni.

Importazioni PE aumentano per tutti i gradi, HDPE tiene il comando

Nella prima metà dell’anno, le importazioni di LDPE sono aumentate approssimativamente del 19% anno su anno, avvicinandosi a 165,000 tons. L’Arabi Saudita è stata il maggiore fornitore con quasi 28,000 tons di esportazioni verso la Turchia, seguita da Germania (15,722 tons) e Francia (14,211 tons).

Le importazioni di LLDPE sono cresciute del 24% a quasi 340,000 tons nel periodo tra gennaio e giugno rispetto alla prima metà dell’anno. Gli USA sono stati di gran lunga il maggiore fornitore in quanto la Turchia ha importato oltre 110,000 tons di LLDPE dal paese. Anche l’Arabia Saudita puntava al vertice con 105,000 tons di esportazioni verso la Turchia.

L’Iran si è classificato come il terzo maggiore fornitore con 20,000 tons considerando il flusso interrotto dal virus dal paese nel periodo tra marzo e maggio.



Per quanto riguarda l’HDPE, le importazioni hanno raggiunto i massimi degli ultimi 4 anni con oltre 360,000 tons nel primo semestre, in rialzo del 31% rispetto alla prima metà del 2019. L’Arabia Saudita, gli USA e la Corea del Sud sono stati i primi tre fornitori con volumi approssimativi rispettivamente di 80,000 tons, 50,000 tons e 40,000 tons.

I dati hanno mostrato che la Turchia complessivamente ha importato quasi 41,000 tons di HDPE dall’Iran durante il periodo tra gennaio e giugno, mettendo il paese al quarto posto. Questo è stato dovuto alle importazioni che si sono attestate tra 11,000 e 15,000 a gennaio, febbraio e giugno. In effetti, la Turchia ha importato meno di 1000 tons dal paese tra marzo, aprile e maggio a causa delle consegne sospese.
Prova Gratuita
Login