Skip to content




Mercati

Asia Pacifico

  • Cina
  • SEA & India
  • (Indonesia, Vietnam, Malaysia, Singapore, Philippines, Thailand, India)
  • Europa

  • Italia
  • Nord Europa
  • (Austria, Belgio, France, Germania, Paesi Bassi, Svizzera)
  • Africa

  • Egitto
  • Africa
  • (Algeria, Tunisia, Libya, Marocco, Nigeria, Kenya, Tanzania, Sudafrica)

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:

Stats: Import polimeri UE27 nel 2023 in calo sull’anno; PVC e PS toccano massimi record

di Manolya Tufan - mtufan@chemorbis.com
  • 07/03/2024 (13:14)
Le importazioni annuali di polimeri nell’UE27 da partner extra-europei sono diminuite del 9% rispetto al 2022, quando le importazioni hanno raggiunto un livello record di poco superiore ai 10 milioni di ton. Le importazioni totali di polimeri nel 2023 sono diminuite a circa 9.2 milioni di ton in seguito agli aumenti annuali dell’11% nel 2021 e del 5% nel 2022. Ciò ha segnato il volume minimo dal 2020.

Il calo annuale dei volumi di importazione era in linea con la riduzione della domanda poiché l’inflazione elevata ha avuto un impatto sui consumi per tutto il 2023, mentre anche le incertezze derivanti dalle tensioni geopolitiche e dalle interruzioni del Canale di Panama hanno frenato i volumi di importazione. L’ outlook scoraggiante della domanda per l’inizio del 2024 ha portato a un lento smaltimento delle scorte nel paese e ad attività di trading di importazione contenute nel quarto trimestre del 2023 nonostante i tassi di produzione contenuti nella regione.

Europe-Import Statistics – Yearly – Polymers

I dati dello Stats Wizard di ChemOrbis mostrano che le importazioni cumulative di PP dell’UE27 sono diminuite dell’11% rispetto al 2022, attestandosi leggermente al di sotto dei 2 milioni di ton nel 2023. Le importazioni totali di PP sono anche il 18% in meno rispetto al 2021, quando le importazioni sono aumentate del 30% per toccare un massimo storico di circa 2.5 milioni di ton. Le importazioni di PE sono diminuite del 14% sull’anno a circa 4.4 milioni di ton, mentre i volumi sono scesi al di sotto dei 5 milioni di ton per la prima volta dal 2020. Le importazioni di PET hanno registrato un calo annuale di oltre il 3% a circa 1.6 milioni di ton, mentre le importazioni di ABS sono diminuite del 9% a 241,000 ton.

Nel frattempo, le importazioni complessive di PVC sono aumentate del 23% rispetto al 2022 per toccare un massimo record a 700,000 ton dopo essere gradualmente aumentate nel 2021 e nel 2022. Le importazioni di PS sono aumentate marginalmente sull’anno per raggiungere circa 360,000 ton, segnando il volume di importazione maggiore dal 2000.

È fondamentale sottolineare che i dati dell’UE27 non includono il commercio intra-europeo, con partner commerciali che non fanno parte dell’unione dei 27 paesi.


USA consolidano la loro presenza nel mercato PE in Europa

Lo Stats Wizard PRO di ChemOrbis suggerisce che i cinque principali esportatori di PE verso l’UE27 nel 2023 sono stati gli Stati Uniti con oltre 1.5 milioni di ton, detenendo una quota di mercato del 34%, seguiti dall’Arabia Saudita con una quota del 20%, dalla Corea del Sud, dal Qatar e dal Regno Unito. Gli ultimi tre paesi detengono tutti una quota inferiore al 10%.

Gli Stati Uniti sono rimasti il fornitore chiave di PE dell’Unione, aumentando la loro quota di mercato del 10% sull’anno poiché le esportazioni statunitensi di PE hanno toccato nuovi record. Nel frattempo, le importazioni verso l’UE27 da parte di altri fornitori sono diminuite rispettivamente del 19%, dell’11%, del 10% e del 39%.

Sulla base di una ripartizione per prodotto, le importazioni di LDPE, LLDPE, mLLDPE e HDPE hanno subito cali rispettivi del 26%, 18%, 8% e 9% l’anno scorso. Le importazioni di mLDPE sono diminuite per la prima volta nel 2023 a circa 1.2 milioni di ton dopo cinque anni consecutivi di aumenti, nel frattempo.

Import copolimero toccano nuovi massimi

Nelle importazioni complessive di PP, l’Arabia Saudita e la Corea del Sud sono rimaste i due maggiori fornitori della regione, con una quota combinata di circa il 55%. Israele e gli Stati Uniti sono saliti nella lista, spodestando la Russia e l’Egitto. Le importazioni dalla Russia sono cessate dopo che i paesi dell’UE hanno introdotto sanzioni severe contro la Russia per via della guerra in Ucraina.

Le importazioni di copolimero hanno toccato un massimo record attestandosi a oltre 550,000 ton, registrando un aumento del 7% rispetto al 2022. Anche se la quota delle importazioni di copolimero della Corea del Sud è rimasta invariata a circa il 42%, le importazioni dal paese sono aumentate del 9% sull’anno. Infatti, la Corea del Sud ha incrementato le esportazioni di PP verso l’UE e la Turchia dopo aver perso una quota di mercato in Cina per via delle forti espansioni di capacità.

I dati dello Stats Wizard PRO di ChemOrbis mostrano che le importazioni di PPH hanno subito un calo sostanziale del 16% l’anno scorso per attestarsi a 1.4 milioni di ton, riflettendo i livelli di consumo inferiori al solito.

USA spodestano il Messico diventando maggiore fornitore di PVC

Gli Stati Uniti hanno spodestato il Messico diventando il maggiore fornitore dell’Unione con 284,000 ton, seguiti da Messico (134,000 ton), Corea del Sud (76,000 ton), Egitto (54,000 ton) e Norvegia (49,000 ton). La Corea del Sud si è aggiunta alla lista dei cinque migliori fornitori l’anno scorso dopo che le importazioni hanno mostrato un aumento del 154% rispetto al 2022.

Le importazioni del 2023 dagli Stati Uniti sono aumentate del 99% sull’anno, mentre le importazioni dall’Egitto sono aumentate del 23%. Le importazioni dagli Stati Uniti e dall’Egitto verso la regione hanno indicato un aumento da sette a otto volte superiore al 2020, come nota a margine.

Infatti, la Commissione europea ha lanciato un’ indagine sulle importazioni di S-PVC originario dell’Egitto e degli Stati Uniti in seguito alle accuse secondo cui l’aumento dei volumi delle esportazioni avrebbe arrecato un danno al settore nel periodo più recente. Le ripercussioni di questa indagine sono analizzate nella news “PVC USA fuori dall’Europa; cambiano i flussi di trading e aumenta concorrenza “.

I volumi di importazione in aumento per via del rallentamento globale hanno pesato sui prezzi del PVC che hanno seguito un trend per lo più ribassista nel corso del 2023 nonostante gli sforzi dei fornitori regionali di gestire l’offerta. L’Europa è un esportatore netto con le esportazioni del 2023 che hanno raggiunto 1 milioni di ton contro le importazioni cumulative di circa 700,000 ton.

Import PET bottiglia continuano ad aumentare

Fra i primi cinque fornitori, la Turchia è stata il primo esportatore con 320,000 ton, seguita da Vietnam (295,000 ton), Cina (279,000 ton), Egitto (194,000 ton) e Corea del Sud (147,000 ton). La Cina è stata spodestata dalla Turchia poiché le importazioni cinesi sono diminuite del 19% rispetto al 2022, quando le importazioni hanno subìto un aumento sorprendente del 177%.

Nel 2023, la quota di mercato della Cina è diminuita dal 20% al 17% poiché i buyer europei hanno evitato le importazioni di PET dalla Cina a causa di un’indagine antidumping avviata a fine marzo 2023. Mentre c’è voluto fino a novembre 2023 per imporre dazi antidumping provvisori sul PET cinese, l’attuazione dei dazi ufficiali è prevista entro la fine di maggio 2024.

Il Vietnam è diventato il secondo maggior esportatore dopo che le importazioni sono aumentate dell’84% sull’anno, mentre anche la Corea del Sud è salita nella lista con un aumento del 30% sull’anno.

Nonostante il calo annuale delle importazioni complessive, le importazioni del PET grado bottiglia hanno indicato una crescita costante fino a toccare il massimo storico di 1.3 milioni di ton. Le importazioni annuali di PET grado tessile, nel frattempo, sono diminuite di oltre il 32%.

Import PS toccano massimo record; Europa importa 80% di ABS dall’Asia

Per quanto riguarda il PS, la Turchia e l’Iran sono rimasti i primi due fornitori dell’Europa, con quote rispettive del 22% e del 20%, per un totale di circa 150,000 ton, seguite dalla Cina, dalla Norvegia e dalla Corea del Sud. L’anno scorso, la Cina e la Corea del Sud hanno aumentato le loro quote di mercato rispettivamente dall’8% al 9% e dal 3.6% al 6%. Nel frattempo, la Cina è emersa aumentando la sua quota di mercato rispetto agli anni precedenti poiché le importazioni sono aumentate di sedici volte rispetto al 2021.

L’Europa è passata dall’essere un esportatore netto a un importatore nel 2022 e nel 2023. Le importazioni di PS verso la regione sono gradualmente aumentate dal 2020 per toccare un massimo storico nel 2023, mentre le esportazioni dell’unione sono diminuite da quel momento.

In una ripartizione del prodotto, le importazioni di GPPS e HIPS dell’Europa sono aumentate del 22% rispetto al 2022. Le importazioni di EPS, nel frattempo, sono diminuite dell’8% sull’anno e questo ha indicato il primo calo dal 2017.

Per quanto riguarda l’ABS, Corea del Sud (149,570 ton), Taiwan (42,080 ton), Stati Uniti (11,940 ton), Arabia Saudita (9,770 ton) e Tailandia (6,890 ton) sono stati i cinque principali fornitori l’anno scorso. La Corea del Sud e Taiwan hanno rappresentato l’80% delle importazioni complessive. Mentre la Corea del Sud ha aumentato la sua quota di mercato da circa il 58% al 62%, la quota di Taiwan è diminuita al 17.4% dal 24%.

Le importazioni di ABS sono diminuite del 9% sull’anno, mentre erano ancora superiori alle esportazioni dell’Unione che sono in calo dal picco del 2021.

Prova Gratuita
Login