Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Stirene in forte rialzo nei mercati globali per timori disponibilità

  • 07/08/2018 (10:40)
Questa settimana i prezzi dello stirene sono in forte rialzo nei mercati principali a causa di problemi di disponibilità in Europa e in Asia. I prezzi spot in Asia hanno segnato il massimo da un anno e mezzo mentre i prezzi in Europa e USA hanno pure registrato rialzi considerevoli raggiungendo recentemente i massimi di due mesi secondo i dati medi settimanali di ChemOrbis Price Wizard.

I prezzi spot dello stirene hanno segnato un aumento cumulativo di $110/ton su base FOB Corea dall’inizio di luglio mentre il rialzo complessivo in Europa ha raggiunto i circa $80/ton su base FOB NWE, sempre secondo i dati. Inoltre i guadagni recenti hanno aperto la strada ad una chiusura più elevata per il contratto di agosto dello stirene, contraddicendo le attese per una chiusura in ribasso prima del periodo vacanziero.

La causa dei prezzi in forte aumento è stata attribuita ai fermi produttivi di alcune unità di stirene in Europa e in Asia, dove gli operatori hanno riportato o fermi impianto o tassi operativi ridotti.

In Asia tre produttori giapponesi hanno pianificato i loro fermi impianto nel terzo trimestre di quest’anno. Circa 900,000 ton/anno di capacità di stirene dovrebbe mancare durante questi fermi impianto che dovrebbero durare un mese o poco più.

Inoltre, un produttore taiwanese di stirene ha recentemente riportato un fermo impianto inaspettato presso la loro unità produttiva di 180,000 ton/anno di stirene, rinforzando i timori sulla disponibilità. La seconda unità della società era già stata fermata a luglio per una manutenzione programmata.

In Europa un produttore di stirene ha recentemente riportato un problema tecnico alla sua unità di POSM mentre un altro produttore di stirene ha già pianificato in agosto il fermo impianto presso la sua unità da 280,000 ton/anno.

I prezzi in rialzo dello stirene hanno aperto la strada per tentativi di aumento questa settimana da parte dei produttori downstream di PS nei mercati principali inclusi Cina e Turchia. Comunque i prezzi in tensione sono controbilanciati da timori sui tassi di cambio perché il deprezzamento dello yuan cinese e della lira turca rispetto al dollaro hanno mantenuto le attività di compravendita al minimo in entrambe le regioni.

Per seguire le notizie di produzione più aggiornate, clicca Notizie Produzione PS (Riservato agli abbonati)
Prova Gratuita