Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Tecnopolimeri - Europa Gennaio 2018

di Ufficio Redazione ChemOrbis - content@chemorbis.com
  • 31/01/2018 (14:54)

Mese: Gennaio 2018
€/ton €/ton
Polimero MinMax
EPS16001650
PA 622502400
PA 6,6 29003000
PC 28503000
SAN 18801950
PBT20002200
POM 15501650
PMMA 2900 3000


Le attese rialziste per gennaio si sono smorzate negli ultimi giorni di dicembre e le compravendite di EPS sono state concluse da rollover a in aumento di €10/ton su dicembre, in linea con l’incremento del contratto dello stirene di gennaio. Le scorte di EPS dei venditori europei sono migliorate durante il periodo delle festività. I buyer hanno confermato che la disponibilità era complessivamente sufficiente a coprire i fabbisogni del mercato a gennaio, in parte anche per il rallentamento della domanda di prodotti finiti nel settore edilizio. Anche se la salita dei prezzi di EPS si è indebolita a gennaio, il trend rialzista dovrebbe riprendersi a febbraio e marzo in quanto i player si aspettano incrementi di circa €100-150/ton sul contratto dello stirene di febbraio. I prezzi spot globali dello stirene hanno registrato rincari a tre cifre rispetto ai livelli di fine dicembre, che hanno fatto pensare i player che i produttori di EPS potrebbero applicare aumenti fino a €150/ton sui loro prezzi di febbraio.

I prezzi di PA 6 e PA 6,6 hanno iniziato il nuovo anno su una nota rialzista. Il contratto del caprolattame di gennaio è stato siglato in calo di €20-40/ton in Europa. DOMO Engineering Plastics ha annunciato incrementi di €200-250/ton sui gradi di PA6 e PA6.6 validi a partire dal 1 gennaio. Secondo un comunicato stampa sul sito web della società, Ron Bult, Global Sales Manager presso DOMO ha commentato “Sfortunatamente, è diventato necessario incrementare i prezzi per poter continuare a offrire valore ai nostri clienti”. Nel mercato spot, intanto, le compravendite di PA 6 per le origini europee hanno registrato rincari relativamente più contenuti di €80-100/ton, mentre i player hanno concluso le compravendite di gennaio di PA 6,6 in rialzo di €100-150/ton. I recenti aumenti sono stati sostenuti non solo dalla domanda buona a inizio anno, ma anche dai costi in rialzo e dall’offerta in contrazione. La disponibilità è corta in particolare sul grado PA 6,6. La dichiarazione di forza maggiore di Solvay ha inasprito i problemi di offerta sul PA 6,6 e alcuni buyer hanno riportato di non essere stati in grado di acquistare materiale per gennaio perché i fornitori erano già sold out. Il contratto del butadiene di febbraio è stato siglato in rialzo di €50/ton a €800/ton, mentre il benzene doveva ancora essere siglato al momento della pubblicazione. Un venditore ha commentato “Per febbraio, i prezzi di PA 6 potrebbero stabilizzarsi, mentre il mercato del PA 6,6 resterà sotto pressione rialzista. Ci attendiamo inoltre un leggero calo sul contratto del benzene di febbraio”. Secondo fonti di mercato, un produttore del nord Europa ha già annunciato incrementi di €200/ton sul PA 6 e di €300/ton sui gradi di PA 6,6 per febbraio.

I prezzi di PC hanno registrato un altro giro di aumenti a gennaio. Le compravendite sono state chiuse in rialzo di €100-150/ton su dicembre. Alcuni buyer non sono riusciti a trovare materiale immediatamente disponibile in quanto i fornitori avevano già chiuso gli ordini. L’offerta dai produttori locali resta piuttosto limitata mentre i prezzi import non hanno suscitato interesse all’acquisto in quanto le origini senza dazio si attestavano ben sopra i prezzi locali a a circa €3200/ton DDP. Secondo i player, l’outlook di febbraio resta rialzista.

I prezzi di PBT hanno aperto l’anno su una nota stabile considerando l’assenza di problemi di offerta a gennaio. Tuttavia, i player hanno riportato che la disponibilità dei gradi standard si sta riducendo. Un distributore ha affermato che un produttore del nord Europa ha annunciato incrementi di €70-100/ton sui prezzi di febbraio. Secondo un annuncio sul sito web della società, un altro produttore di PBT, Celanese, aumenterà i prezzi di PBT in Europa di €200/ton a partire dal 15 febbraio.

I prezzi di POM hanno registrato rincari di €50-100/ton rispetto a dicembre a causa della riduzione dell’offerta. I venditori hanno riportato che i prezzi sotto la soglia di €1600/ton stanno scomparendo dal mercato. Sono state riportate offerte import dall’Estremo Oriente a €1600-1650/ton DDP Germania. Per febbraio, un distributore ha riportato che il suo produttore regionale sta pensando di applicare aumenti di €120/ton. Intanto, secondo un comunicato sul sito web della società, Celanese aumenterà i prezzi di POM in Europa di €300/ton a partire dal 15 febbraio.

I prezzi di PMMA di gennaio sono saliti di €100-150/ton, mentre il contratto dell’MMA è stato siglato da rollover a in rialzo di €20/ton in Europa. Alcuni buyer si sono lamentati di non essere riusciti a trovare PMMA disponibile in quanto il mercato resta corto e i produttori stanno fornendo volumi limitati ai clienti. I distributori hanno i magazzini quasi scarichi e stanno evitando di fornire allocazioni ai clienti non abituali. Hanno confermato che la domanda di PMMA supera l’offerta, che sta mantenendo l’outlook di febbraio in rialzo.

Gli aumenti dei prezzi del SAN si sono indeboliti a gennaio. Le trattative sono state chiuse da stabili a in aumento di €20-30/ton su dicembre. Tuttavia, diversi venditori si attendono altri rincari di €30-50/ton a febbraio a causa dei costi dello stirene in rialzo. I mercati globali dello stirene hanno registrato incrementi a tre cifre durante lo scorso mese e le manutenzioni programmate a diversi impianti di stirene in Europa potrebbero condizionare la disponibilità dei derivati a febbraio e marzo. Il contratto dello stirene di febbraio è atteso in aumento di €100-150/ton.

I range di prezzo includono un costo medio di trasporto al magazzino del cliente, dazi quando applicabili, mentre l’IVA è esclusa.
Prova Gratuita