Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Tecnopolimeri - Europa Maggio 2017

di Ufficio Redazione ChemOrbis - content@chemorbis.com
  • 29/05/2017 (14:00)

Mese: Maggio 2017
€/ton €/ton
Polymer MinMax
EPS12801340
PA 623502500
PA 6,6 27002850
PC 25002600
SAN 18001900
PBT20002200
POM 14501550
PMMA 2480 2600


In maggio i prezzi di EPS hanno riportato un altro giro di cali massicci di circa €200-220/ton a seguito del forte calo del contratto dello stirene. Comunque molti operatori hanno riportato che i produttori europei non hanno trasferito l’intero calo del monomero di €245/ton sui loro prezzi di maggio del PS. La maggior parte dei trasformatori ha dovuto riempire le scorte questo mese poiché in aprile le avevano tenute basse in attesa dei probabili cali di maggio. Infatti la disponibilità di EPS è un po’ calata in maggio per un miglioramento della domanda. Per giugno gli operatori si domandano se i prezzi di EPS abbiano raggiunto il minimo o meno visto che lo stirene spot nei mercati globali ha riportato degli aumenti da metà maggio che induce ad attese di una inversione di tendenza per il prossimo mese. In effetti le attese più recenti per la chiusura del contratto dello stirene sono per un prezzo invariato o aumenti fino a €50/ton e i prezzi del PS dovrebbero rimanere attorno ai livelli attuali per la prima volto dopo mesi di forti oscillazioni.

Per PA6 e PA6,6 i prezzi sono rimasti prevalentemente stabili in maggio dopo i forti aumenti dei mesi precedenti. Ad inizio maggio sono stati riportati alcuni aumenti fino a €50/ton supportati da maggiori costi del caprolattame; però la maggior parte delle trattative si è chiusa su livelli stabili a maggio. L’offerta di PA6 è stata riportata in leggero miglioramento mentre la disponibilità di PA6,6 è rimasta corta con alcuni buyer che hanno trovato difficoltà a reperire materiale. Per giugno la maggior parte degli operatori si aspetta che i prezzi di PA6 e PA6,6 rimangano stabili ai livelli attuali mentre alcuni venditori pensano che i prezzi possano riportare leggeri aumenti sulla base dei costi più alti del caprolattame e timori di scarsa disponibilità.

I prezzi del PC hanno continuato un trend da stabile a in rialzo in maggio per l’offerta limitata mentre alcune trattative spot sono state chiuse a prezzi invariati. Gli operatori fanno notare che la disponibilità di PC in Europa è piuttosto corta e questa situazione è destinata a durare fino alla fine dell’estate, supportando il trend da stabile a rialzo fino ad agosto-settembre. Alcuni trader che offrono prodotto taiwanese e coreano hanno riportato di aver ricevuto molte più richieste di offerta in questo periodo proprio perché le fonti europee hanno disponibilità limitata ma hanno potuto soddisfare i nuovi ordini solo parzialmente. In ogni caso fanno fatica a vendere perché i prezzi di importazione sono ancora considerati elevati da parte dei buyer. Anche i produttori asiatici hanno disponibilità limitata, il che ha causato ritardi nelle consegne e riduzione dei volumi import in entrata in Europa. Per questa ragione gli operatori pensano che i prezzi del PC non potranno cambiare direzione nel breve termine considerati i margini ridotti e l’offerta corta da parte dei produttori mentre l’outlook per giugno appare stabile.

Per il PBT i prezzi sono stati stabili ancora un altro mese anche per la mancanza di importazioni competitive. I livelli di offerta sono riportati soddisfacenti e la domanda regolare. Non sono attese variazioni di rilievo per giugno.

POM: i prezzi si sono stabilizzati negli ultimi due mesi dopo aumenti a tre cifre nel Q1. L’offerta di origini europee è diventata un po’ più corta per la mancanza di importazioni competitive dall’Asia.

PMMA: i prezzi spot sono rimasti stabili rispetto al mese scorso mentre i prezzi trimestrali continuano a mostrare aumenti a tre cifre rispetto al Q1. Alcuni buyer fanno notare come l’offerta di PMMA sia ancora corta e sono arrivati loro meno volumi di quanti allocati. Un trader che offre materiale taiwanese ha notato che i prezzi di PMMA sono sotto pressione per la disponibilità ridotta e confermano che alcuni clienti hanno terminato le loro scorte. I tempi di consegna di PMMA si sono allungati e ci sono poche importazioni dall’Asia. Un’altra ragione di questo shortage è che l’MMA è diventato poco disponibile dopo la forza maggiore dichiarata da Lucite ed Evonik. Gli operatori si aspettano un outlook da stabile a in rialzo, supportati dalla disponibilità limitata.

SAN: i prezzi hanno riportato un altro giro di diminuzioni a tre cifre pari a circa €100-150/ton per maggio. I venditori riportano che l’offerta di SAN è stata ampia in maggio. La domanda è stata buona perché i prezzi in ribasso hanno attirato maggiori acquisti da parte di chi aveva tenuto scorte basse ad aprile in attesa di ulteriori diminuzioni a maggio. Le attese di giugno dei player sono per un outlook di stabilità.

I range di prezzo includono un costo medio di trasporto al magazzino del cliente, dazi quando applicabili, mentre l’IVA è esclusa.
Prova Gratuita