Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Tecnopolimeri - Europa Novembre 2018

di Ufficio Redazione ChemOrbis - content@chemorbis.com
  • 29/11/2018 (17:01)

Mese: Novembre 2018
€/ton €/ton
Polimero MinMax
EPS13801450
PA 621502350
PA 6,6 42004700
PC 22002500
SAN 16701780
PBT21002300
POM 18002000
PMMA 3000 3300


Il mercato dell’EPS ha mantenuto il trend ribassista a novembre, a seguito del forte calo di €170/ton dei contratti dello stirene mentre i contratti del benzene di novembre sono stati siglati con una diminuzione più contenuta pari a €24/ton in Europa. I player hanno riportato che i prezzi dell’EPS non hanno visto la stessa entità di calo dello stirene e le trattative di novembre sono state concluse con diminuzioni di €100-130/ton rispetto a ottobre in quanto i venditori sono riusciti a trattenere una parte del crollo del monomero per recuperare i margini. Una fonte di un produttore sud europeo, che aveva inizialmente annunciato diminuzioni di €90/ton sui suoi prezzi di EPS di novembre, ha riportato di aver concluso le trattative con ribassi più forti pari a €100-130/ton per via dello scarso interesse all’acquisto da parte dei buyer. Nel frattempo, i buyer non hanno avuto problemi ad assicurarsi le loro ristrette necessità, nonostante la forza maggiore all’unità di BASF a Ludwigshafen, Germania, data la debole domanda. Per le importazioni, materiale iraniano è stato riportato nuovamente a prezzi competitivi, a €1250-1310/ton, DDP; tuttavia, solo pochi buyer hanno deciso di acquistare carichi d’importazione per via della consegna in sacchi. Le aspettative per dicembre sono incentrate su un nuovo giro di diminuzioni sulla scia dei ribassi dei prezzi di petrolio, nafta e dello stirene spot che suggeriscono un nuovo forte calo sul contratto dello stirene di dicembre.

I prezzi del PA6 hanno seguito ancora un trend da stabile a in leggero calo a novembre per via della domanda complessivamente debole e dell’offerta ampia nel mercato mentre il contratto del benzene di novembre è stato siglato in calo di €24/ton. Alcuni produttori nord europei hanno riportato di aver concluso le trattative di novembre da rollover a in calo €20-40/ton da ottobre mentre i player concordano che la domanda per le principali applicazioni è stata generalmente tranquilla in vista della fine dell’anno. La maggior parte dei buyer, intanto, ha riportato che manterrà le scorte basse a dicembre per via del debole business di prodotto finito e delle manutenzioni programmate ai loro impianti durante la pausa per le festività natalizie. Pertanto, le aspettative di dicembre sono incentrate per lo più su un trend stabile, mentre sono emerse voci di un possibile rialzo dei prezzi nel medio termine tra i player che citano un probabile miglioramento della domanda nel 2019 data la persistente scarsità di offerta di PA66 e dell’enorme divario tra i prezzi del PA6 e i prezzi del PA66.

Il mercato del PA66 è stato ancora dominato dalla persistente scarsità di materiale in Europa, ignorando il calo dei costi di petrolio e nafta e il forte calo del contratto del butadiene di novembre che è stato siglato con un ribasso di €100/ton. Alcuni player hanno riportato di aver concluso le trattative di novembre a rollover rispetto a ottobre avendo fissato prezzi trimestrali. Il produttore nord europeo Lanxess, intanto, ha applicato nuovi forti aumenti di €600/ton che saranno validi fino alla fine del 2018 a causa dell’offerta molto corta. Inoltre, un produttore sud europeo ha dichiarato forza maggiore dalla sua unità di PA66 per problemi logistici e di trasporto dei feedstock dovuti al livello basso del fiume Reno. Nel frattempo, l’interesse dei buyer ha iniziato a rivolgersi verso le importazioni, con PA66 da Israele acquistato a €4100/ton e materiale cinese a €4100-4200/ton, entrambi DDP. Un rivenditore ha riportato di aver offerto materiale dal Brasile a €4600/ton DDP. PA66 dagli USA è stato invece offerto a €4500/ton con termini locali e un rivenditore ha riportato di essere stato rifornito solo del 50% rispetto alle allocazioni usuali. I prezzi di listino ufficiali di alcuni produttori europei potrebbero raggiungere e superare la soglia di €5000/ton a dicembre. L’outlook a medio e lungo termine resta rialzista in quanto l’offerta non tornerà a livelli normali almeno fino al secondo trimestre del 2019.

Il mercato del PC ha registrato nuovi forti ribassi a novembre sulla scia della domanda debole e dell’offerta ampia nella regione insieme alla pressione dalle importazioni. Le trattative di novembre sono state concluse principalmente con diminuzioni tra €100/ton e €500/ton rispetto a ottobre con il rallentamento del settore automotive che ha continuato a pesare sul mercato. Intanto, il contratto del benzene di novembre è stato siglato in calo di €24/ton in Europa. Per le importazioni, i player hanno riportato che i volumi dall’Estremo Oriente e dalla Cina sono in crescita a seguito delle nuove capacità nella regione; tuttavia, i prezzi non sono ancora competitivi rispetto alle origini europee. Il range complessivo del PC grado standard dalla Corea del Sud è stato riportato a €2300-2450/ton e a €2000/ton dalla Cina, DDP mentre PC iniezione è emerso a €2000-2350/ton con le stesse condizioni. PC iniezione dall’Arabia Saudita è stata commercializzato a €2200/ton DDP. Per dicembre, i player si aspettano un trend per lo più da stabile a in calo.

I prezzi del PBT non hanno registrato variazioni significative a novembre mentre alcuni venditori hanno già anticipato aumenti per dicembre per via del miglioramento della domanda causata dalla mancanza di PA66 nel mercato. Un distributore di Lanxess ha riportato che il produttore ha in programma di applicare aumenti di €200/ton per dicembre e gennaio mentre DSM ha concluso le trattative di novembre a rollover rispetto a ottobre. Intanto, un rivenditore di materiale dall’Estremo Oriente ha concluso il business di novembre a €2200/ton con termini locali mentre ha applicato aumenti di €100/ton sui prezzi di dicembre. Importazioni dall’Arabia Saudita sono emerse a prezzi di €300/ton al di sotto del livello minimo del range locale, a €1800/ton DDP.

Il mercato del POM ha seguito un trend stabile a novembre per le condizioni bilanciate del mercato nonostante la disponibilità ancora scarsa di resina acetalica. Celanese ha applicato rollover sui suoi prezzi di novembre, dopo aver revocato la forza maggiore dall’impianto negli USA; tuttavia, un distributore del produttore ha già anticipato un possibile aumento sui prezzi di dicembre. Per il materiale nazionalizzato dall’Estremo Oriente, il range complessivo è in linea con le origini europee, a €1850-2000/ton.

I prezzi del PMMA hanno mantenuto un trend stabile a novembre, con i player che riportano una scarsa domanda per via del rallentamento del settore automotive sector mentre l’offerta era ampia nella regione. I distributori di Arkema e DuPont hanno riportato di aver concluso le trattative di novembre a rollover. Per le importazioni, PMMA iniezione dalla Corea del Sud è stato offerto a €2900-3000/ton, DDP. I player hanno espresso aspettative per lo più stabili per dicembre dal momento che le attività saranno limitate verso la fine dell’anno.

Il mercato del SAN ha seguito un trend ribassista a novembre sulla scia del forte calo del contratto dello stirene che è stato siglato in ribasso di €170/ton in Europa. Tuttavia, i venditori sono riusciti a evitare di concedere l’intero calo del monomero sulle trattative di novembre che sono state concluse con diminuzioni di €100-130/ton da ottobre. Intanto, materiale d’importazione dalla Corea del Sud è stato offerto a €1600-1620/ton DDP. Il mercato del SAN è atteso ancora in calo a dicembre date le aspettative di un forte ribasso sui contratti dello stirene di dicembre e la domanda debole verso la fine dell’anno. Tuttavia, i venditori potrebbero concedere dei cali più contenuti rispetto all’atteso crollo del contratto dello stirene sui loro prezzi del SAN come già accaduto a novembre.

I range di prezzo riportati includono i costi medi di nolo per la sede dei clienti così come i dazi se applicabili, anche se l’IVA è esclusa.
Prova Gratuita