Skip to content




Mercati

Asia Pacifico

  • Cina
  • SEA & India
  • (Indonesia, Vietnam, Malaysia, Singapore, Philippines, Thailand, India)
  • Europa

  • Italia
  • Nord Europa
  • (Austria, Belgio, France, Germania, Paesi Bassi, Svizzera)
  • Africa

  • Egitto
  • Africa
  • (Algeria, Tunisia, Libya, Marocco, Nigeria, Kenya, Tanzania, Sudafrica)

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:

Tentativi iniziali di rialzo del PVC funzioneranno in Italia e Nord Europa?

di Manolya Tufan - mtufan@chemorbis.com
  • 09/04/2024 (11:09)
I mercati regionali del PVC sono rimbalzati da un minimo di tre anni il mese scorso dopo essere rimasti stabili per i primi due mesi dell’anno. I prezzi sembrano aver esteso i loro aumenti al secondo mese ad aprile, con rialzi superiori alla metà dell’aumento del monomero. I player segnalano che le attuali dinamiche di mercato non sosterranno gli obiettivi di recupero dei margini.

Produttori mirano a recuperare margini

La maggior parte dei fornitori ha annunciato le sue offerte più tardi del solito visto la prolungata pausa festiva e la chiusura posticipata del contratto dell’etilene. I produttori di PVC stanno approcciando il mercato con nuovi tentativi di aumento superiori alla metà della chiusura dell’etilene o in linea con l’intero rialzo dell’etilene. Questo perché i venditori hanno dato la priorità alle intenzioni di recuperare i margini.

Un importante fornitore ha già cercato aumenti in linea con il rialzo del monomero di €40/ton per recuperare i margini. Una fonte del produttore ha commentato, “I prezzi del PVC aumenteranno sicuramente per via dei prezzi delle materie prime in rialzo. La risposta del mercato non è chiara poiché le negoziazioni sono appena iniziate. Se le nostre richieste iniziali di aumento incontrano resistenza, potremmo dirottare il materiale verso i mercati di esportazione in Turchia e in Nord Africa, dove i prezzi sui massimi dei range sono in linea con i prezzi europei sui minimi dei range”.

Visto che le negoziazioni sono in corso nel mercato spot, è probabile che i buyer aspettino che tutte le politiche di prezzo siano state definite prima di decidere di rifornirsi.

La domanda sarà determinante

L’attività di acquisto potrebbe rimanere lenta poiché non ci sono segni che i settori dei derivati siano in via di ripresa, con i settori dell’automotive e delle costruzioni che registrano un rallentamento dei consumi. L’alta stagione non è ancora iniziata, mentre per i player resta della massima importanza monitorare in modo vigile la domanda. Se aprile sarà caratterizzato da acquisti basati sulle necessità, sarà difficile recuperare i margini e ottenere gli aumenti superiori al trasferimento dei costi dell’etilene. Secondo alcune fonti, la domanda potrebbe migliorare da giugno.

È probabile che i trasformatori spingano per aumenti in linea con la metà del risultato dell’etilene, citando la domanda tiepida e la disponibilità sufficiente nella regione. La domanda è così lenta che dobbiamo ridurre i prezzi dei nostri prodotti finiti per vendere, ha affermato un compoundatore.

Un player ha detto, “Aumenti di €20/ton potrebbero passare sulle trattative alla fine, come è successo a marzo”.

Un trader ha riferito, “Prevediamo che i fornitori regionali applicheranno aumenti di €40-50/ton all’inizio ma aumenti minori passeranno sulle trattative per via della domanda in calo a causa delle festività e delle importazioni in arrivo”.

Come nota a margine, un trasformatore che ha trovato gli aumenti in linea con l’intero rialzo dell’etilene ingiustificati ha sottolineato, “Se i fornitori applicano aumenti maggiori rispetto al mercato a contratto, il divario fra i mercati spot e i mercati a contratto si amplierà”.

Offerta sufficiente nonostante limiti di produzione

In effetti, i fornitori non vedono alcun sostegno dalla riduzione dei volumi di importazione o dai problemi di produzione regionale. L’offerta complessiva è stata sufficiente per soddisfare le esigenze dei buyer regionali e di esportazione, indipendentemente dai tagli di produzione e da alcuni fermi impianto per manutenzione all’inizio del secondo trimestre. Dato che i produttori hanno margini ristretti, stanno producendo a tassi ridotti per evitare un’ulteriore erosione dei loro margini.

Una fonte di mercato ha commentato, “L’offerta è sufficiente per soddisfare la domanda nonostante il calo della disponibilità di importazione e alcuni problemi di produzione nella regione. Se l’offerta resta buona, sarà difficile recuperare i margini”.

PVC USA mantiene competitività in Italia

I carichi statunitensi di PVC in pronta consegna per il K70 e il K64-65 sono stati offerti a circa €900-920/ton su base FD Italia, 60 giorni, attestandosi ben al di sotto dei range spot. Visto che i loro prezzi sono inferiori, potrebbe essere difficile per i fornitori regionali aumentare i loro margini. Questo perché alcuni buyer prendono in considerazione l’acquisto di PVC statunitense a condizione che i prezzi rimangano competitivi e i termini di consegna non siano così lunghi.

L’aumento della competizione fra i venditori ha messo sotto pressione anche i mercati di esportazione. I trader statunitensi vendono più materiale a livelli aggressivi per compensare le perdite in Europa a causa dell’indagine antidumping in corso. I venditori regionali non sono riusciti ad aumentare ulteriormente i loro prezzi di esportazione.

Un player ha detto, “I produttori statunitensi potrebbero cercare nuovi mercati poiché in America Latina la domanda è diminuita e l’offerta è più che buona”.

Nel frattempo, i gradi spot del PVC sui minimi dei range hanno toccato o superato la soglia dei €950/ton su base FD Italia. Le valutazioni di prezzo si sono attestate a €950-1020/ton per il K67-68, a €970-1040/ton per il K70 e a €960-1030/ton per il K58 e il K64-65, tutti su base FD Italia, 60 giorni.

In Nord Europa, i prezzi hanno raggiunto gli €870-940/ton per il K67-68, gli €890-960/ton per il K70 e gli €880-950/ton per il K58 e il K64-65 con gli stessi termini.

Prova Gratuita
Login