Skip to content




Mercati

Asia Pacifico

  • Cina
  • SEA & India
  • (Indonesia, Vietnam, Malaysia, Singapore, Philippines, Thailand, India)
  • Europa

  • Italia
  • Nord Europa
  • (Austria, Belgio, France, Germania, Paesi Bassi, Svizzera)
  • Africa

  • Egitto
  • Africa
  • (Algeria, Tunisia, Libya, Marocco, Nigeria, Kenya, Tanzania, Sudafrica)

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:

Trend ribassista asiatico spinge offerte PVC dal Taiwan in calo nonostante costi in rialzo

di Shibu Itty Kuttickal - sikuttickal@chemorbis.com
  • 17/04/2024 (11:24)
Dopo gli aumenti per un totale di $60/ton nelle sue offerte di febbraio, marzo, aprile, un importante produttore di Taiwan ha ridotto i suoi prezzi di maggio di $30/ton ai buyer asiatici, in linea con la maggior parte delle aspettative dei player regionali. Tuttavia, alcuni venditori dubitano che la politica in calo possa persistere di fronte all’aumento dei costi delle materie prime.

I dati del Price Wizard di ChemOrbis mostrano che la media mensile dei prezzi del petrolio Brent è aumentata di circa il 18% da dicembre dell’anno scorso. Per quanto riguarda l’etilene, i prezzi di importazione per il Sudest Asiatico sono aumentati di circa il 15%, mentre quelli per la Cina sono aumentati di circa il 7% nello stesso periodo.

Produttore di Taiwan fatica a vendere quote in India

Allo stesso tempo, l’ampia disponibilità nei mercati regionali ha mantenuto i buyer in attesa di riduzioni di prezzo. “Siamo fiduciosi sul fatto che i prezzi diminuiranno ulteriormente poiché l’offerta è ampia sia in Cina che in India. Anche il produttore di Taiwan lo sa,” ha detto un trader indiano, aggiungendo, “Il produttore potrebbe non riuscire a vendere tutte le sue allocazioni di maggio nel mercato attuale, nonostante le riduzioni di prezzo”, ha aggiunto.

Secondo il trader, il fatto che il produttore di Taiwan abbia deciso di ridurre i prezzi nonostante l’aumento dei tassi di nolo è dovuto al trend ribassista nei mercati regionali. “Pensiamo che il produttore abbia consciamente preso questa decisione di assorbire l’aumento dei costi di trasporto”, ha affermato il trader. Secondo lui, i tassi di nolo da Taiwan e dalla Cina verso l’India sono aumentati di oltre il 50% nell’ultimo mese.

Un altro trader ha sottolineato i considerevoli volumi invenduti delle allocazioni del produttore di Taiwan nei due mesi precedenti, soprattutto in India, il maggiore importatore globale di PVC. “Non siamo eccessivamente preoccupati per la disponibilità. Ad esempio, il produttore di Taiwan non sembra essere riuscito a vendere ai buyer indiani nemmeno la metà delle allocazioni nei due mesi precedenti”, ha affermato. Le allocazioni del produttore per marzo e aprile erano entrambe superiori alle 20,000 ton mentre attendiamo ancora le informazioni sulle allocazioni di maggio dalle fonti di mercato. Anche l’ampia disponibilità della Cina ha mantenuto i buyer indiani in cerca di prezzi ancora più bassi.

Prezzi import ed export asiatici in calo del 4-5%

I prezzi di importazione e di esportazione del PVC in India, nel Sudest Asiatico e in Cina sono diminuiti di circa il 4-5% da metà marzo per raggiungere i minimi di circa tre mesi, secondo gli ultimi dati disponibili del Price Index di ChemOrbis. Gli ultimi prezzi di importazione per le spedizioni di PVC a base di etilene si sono attestati a $750-800/ton su base CIF India e a $720-760/ton su base CIF Sudest Asiatico. I prezzi di importazione cinesi delle spedizioni a base di etilene per la settimana in corso sono stati riportati a $705-775/ton su base CIF. Per quanto riguarda le esportazioni dalla Cina, i prezzi si sono attestati a circa $725/ton su base FOB per le spedizioni a base di etilene, e a $710/ton per le spedizioni a base di acetilene.

PVC K67 – India – China – Southeast Asia

Produttori cinesi mantengono offerte export stabili

Un paio di produttori della Cina nordorientale hanno mantenuto i prezzi di esportazione invariati rispetto ai loro livelli precedenti anche dopo gli ultimi prezzi di riferimento dal Taiwan, attribuendo la politica ai costi di produzione in rialzo.

“Non stiamo seguendo il calo dei prezzi del produttore di Taiwan. Stiamo mantenendo i nostri prezzi di esportazione stabili a $710/ton su base FOB Cina”, ha affermato una fonte di uno dei produttori. Una fonte del secondo produttore ha mantenuto i suoi prezzi stabili a $730/ton su base FOB Cina, dicendo, “Stiamo mantenendo le nostre offerte a causa dei costi di produzione in rialzo e, in ogni caso, il prezzo di esportazione del produttore di Taiwan a $760/ton su base FOB Cina è più alto rispetto alle nostre offerte”.

Nel frattempo, il sentimento positivo non è stato ulteriormente condiviso nel settore dei derivati. “La domanda in Cina resta debole, con il rallentamento degli ordini per i prodotti in PVC e i bassi livelli di produzione. I prodotti flessibili e le necessità giornaliere mantengono una produzione stabile, ma la domanda è limitata”, ha detto un trader cinese.

Venditori aperti a ricevere controfferte nel SEA

Nel Sudest Asiatico, nel frattempo, la domanda nei mercati dei derivati è rimasta debole.

“I venditori sono aperti alle controfferte e stanno offrendo sconti di $30-50/ton. Non vogliamo accumulare scorte e preferiamo acquistare in base alle necessità”, ha affermato un trasformatore. Nel frattempo, il Songkran in Tailandia, e la festività dello Hung King in Vietnam durante questa settimana hanno rallentato l’attività di mercato.