Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Turchia, industria tessile sotto pressione a causa dei blocchi globali che ostacolano le esportazioni

di Merve Madakbaşı - mmadakbasi@chemorbis.com
  • 24/03/2020 (18:30)
I player di tessili in Turchia hanno attraversato periodi difficili dalla scorsa settimana a seguito di ordini annullati o sospesi dalle loro destinazioni di esportazione che hanno ostacolato l’interesse di acquisto di prodotti tra cui fibre di PP, PET textile chips e POY (Partially Oriented Yarn).

Le esportazioni di tappeti e indumenti all’ Europa, Medio Oriente e USA sono state frenate dal crescente isolamento in alcune nazioni. Le misure di restrizione puntano a contenere la diffusione del COVID-19 e hanno portato alla sospensione della produzione di derivati.

Alcuni produttori tessili della regione meridionale hanno deciso di abbassare i loro tassi operativi in risposta al rallentamento dell’attività. Altri stanno riflettendo sulla chiusura temporanea delle loro fabbriche nel caso in cui persistano condizioni difficili.

Anche il consumo interno in Turchia è stato ridotto poiché diversi marchi di abbigliamento hanno dovuto chiudere i loro negozi fino ad aprile a causa delle preoccupazioni sulla salute nel paese. I centri commerciali sono stati chiusi in molte città poiché i casi di virus sono aumentati da quando il primo caso è stato confermato l’11 marzo.

“Le vendite di alcune aziende di abbigliamento preconfezionato hanno registrato un calo fino al 70% nelle ultime due settimane. I prezzi dei chip tessili POY e PET sono in calo come I prezzi del mercato energetico e la domanda ridotta ha sovrastimato l’impatto delle interruzioni nella logistica ", ha affermato un commerciante di chips di poliestere.

Un trasformatore di bcf ha detto, “I nostri clienti dall’Europa hanno sospeso i loro ordini per circa due settimane. Tuttavia, gli ordini dalla Tunisia, Marocco, Libia, Algeria e USA sono stati cancellati sfortunatamente. Siamo preoccupati per i possibili problemi di liquidità nell’industria tessile per il prossimo periodo”.

Il 18 marzo, la Tuchia ha annunciato TRY100 miliardi di ($15.4 billion) pacchetti di stimolo e altre diverse misure per sostenere l’economia e mitigare l’impatto del coronavirus. Al fine di mantenere i tassi di utilizzo della capacità durante il temporaneo rallentamento delle esportazioni, il sostegno al finanziamento delle scorte sarà concesso agli esportatori, come parte del pacchetto.
Prova Gratuita
Login