Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Turchia, lira al minimo storico ostacola domanda polimeri

  • 13/01/2017 (12:05)
I player in Turchia stanno affrontando una grave svalutazione della lira contro le valute straniere, dopo che questa settimana dollaro ed euro hanno recuperato ulteriore valore contro la valuta. Nonostante l’intervento della Banca centrale lo scorso martedì, il cambio USD/LT ha toccato il livello più alto di tutti i tempi mercoledì, superando i 3.94, dopo aver iniziato l’anno con rapidi aumenti. Inoltre il cambio euro/LT ha raggiunto il massimo storico di 4.10.

Tra le ragioni dietro il dollaro USA in crescita ci sono l’insediamento di Donald Trump come quarantacinquesimo presidente degli Stati Uniti il 20 gennaio e la possibilità di nuovi rapidi aumenti dei tassi di interesse della Federal Reserve, attesi per marzo. Secondo gli analisti, i tassi di interesse in rialzo pesano sui paesi in via di sviluppo e in modo più visibile sulla Turchia, dove il dollaro e l’euro sono aumentati di oltre il 9% dall’inizio del 2017, tra economia fragile, scenario politico e geopolitico e preoccupazioni per la sicurezza interna.

Ci sono inoltre preoccupazioni secondo cui la Banca centrale della Turchia potrebbe non essere in grado di aumentare i tassi di interesse contro i tassi di cambio in crescita durante l’incontro del 24 gennaio. I player considerano la decisione sul rating di Fitch del 27 gennaio come un ulteriore fattore che potrebbe indebolire la lira turca, poiché l’agenzia di rating, l’unica a non declassare la Turchia, potrebbe far scendere la posizione del paese questa volta, creando quindi preoccupazione nei mercati.

I prezzi di PP e PE sono rimasti su una nota rialzista durante la settimana, in una situazione di offerta limitata dai fornitori del Medio Oriente che hanno mantenuto allocazioni moderate per il mercato turco, considerando i netback insoddisfacenti rispetto agli altri mercati globali. Il produttore domestico, Petkim, ha applicato aumenti di $20-30/ton sui prezzi di listino di PP e di $20/ton su quelli di LDPE all’inizio della settimana, contribuendo al trend. Tuttavia, molti player concordano sul fatto che l’indebolimento della lira turca ad un tasso record ha influenzato negativamente il trading, nonostante gli attuali aumenti dei prezzi.

Un produttore saudita ha riportato di aver venduto tutte le sue limitate allocazioni di gennaio. Una fonte del produttore ha commentato “Nessuno ha intenzione di costituire scorte in questo momento in quanto la debole lira turca ha spinto i buyer fuori dal mercato. La domanda di PS è stata soddisfacente mentre se dovessimo fare una comparazione, quella di PP ha registrato una performance migliore di quella del PE”.

Un trasformatore di PP fibra ha dichiarato “Alcuni acquisti sono stati effettuati ma le fonti restano limitate, e la situazione generale non è promettente a causa dell’incertezza economica e politica in Turchia”. Un produttore di packaging prevede che i prezzi del PE restino sui livelli attuali, mentre quelli di PVC potrebbero venire rivisti al ribasso considerando la stagione invernale; un altro trasformatore considera gli attuali aumenti sul PE dal Medio Oriente e Iran troppo forti per poter passare sulle trattative di questo mese, date le circostanze.

Un distributore di polimeri ha commentato “Questa settimana, il mercato è molto silenzioso per tutti i prodotti per via della situazione del cambio. I prezzi avevano iniziato ad essere accettati la scorsa settimana ma ora la domanda debole è un fattore fondamentale poiché il cambio rappresenta una problematica per i trasformatori più che per l’aumento dei prezzi”. Un altro venditore, intanto, sostiene di essere soddisfatto delle sue vendite di PS iraniano, nonostante i fattori negativi, grazie alla loro competitività rispetto ai carichi d’oltreoceano e dall’Europa.

Un trader di PVC e PE concorda, dicendo “Stiamo tentando di rimanere fermi sui nostri livelli di prezzo attuali. Allo stesso tempo, l’interesse all’acquisto è molto scarso poiché i player preferiscono restare inattivi, per via dei problemi relativi al cambio e le richieste di materiale sono davvero limitate”.

Intanto, il cambio USD/TL si è attestato intorno a 3.78 giovedì mentre il cambio €/TL era riportato a 4.09.
Prova Gratuita