Skip to content




Mercati

Asia Pacifico

  • Cina
  • SEA & India
  • (Indonesia, Vietnam, Malaysia, Singapore, Philippines, Thailand, India)
  • Europa

  • Italia
  • Nord Europa
  • (Austria, Belgio, France, Germania, Paesi Bassi, Svizzera)
  • Africa

  • Egitto
  • Africa
  • (Algeria, Tunisia, Libya, Marocco, Nigeria, Kenya, Tanzania, Sudafrica)

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Turchia, mercati polimeri si preparano a nuovi aumenti guidati da crisi dell’offerta

di Merve Madakbaşı - mmadakbasi@chemorbis.com
  • 19/01/2024 (12:41)
L’aggravarsi della crisi dell’offerta sembra spingere i player dei polimeri in Turchia a prepararsi per nuovi aumenti di prezzo a febbraio poiché la scarsa disponibilità darà ai venditori un vantaggio nonostante lo stato della domanda dei derivati. Nel frattempo, le incertezze circa i persistenti problemi logistici e i rischi che ne emergono mantengono i mercati delle commodity in tensione per il lungo periodo.

L’instabilità nel Mar Rosso ha gettato scompiglio in tutti i mercati. La crisi ha causato l’aumento dei tassi di nolo per il settore marittimo, carenza di equipaggiamento, ritardi dell’offerta, e tempistiche di consegna più lunghe, causando la più grande interruzione delle catene di approvvigionamento dalla pandemia.

Quanto durerà l’interruzione?

Swiss Kuehn + Nagel ha riferito che diversi giganti di venditori al dettaglio hanno cercato piani alternativi di spedizione, con il 90% del traffico navi container diretto al Canale di Suez che è stato dirottato. Ami Daniel, amministratore delegato di Windward, con sede nel Regno Unito, ritiene possibile un calo del 40-50% di tutti gli attraversamenti del Canale di Suez, considerando le deviazioni del traffico marittimo. “L’attuale situazione di carenza di container si ripercuoterà sulle esportazioni europee”, afferma Kuehn + Nagel, aggiungendo che la rotta più colpita dai ritardi è quella dall’Asia all’Europa.

Secondo gli ultimi aggiornamenti, Shell si è unita a BP e molti giganti della navigazione stanno sospendendo tutte le spedizioni nel Mar Rosso poiché gli attacchi Houthi sono continuati nonostante la risposta degli Stati Uniti e dei loro alleati mentre la società ha riferito di aspettarsi almeno un impatto del 5-10% sui prezzi nel breve termine. La società di navigazione con sede ad Hong-Kong, Honour Lane, anticipa che la situazione nel Mar Rosso si estenderà fino a sei mesi. MSC ha riferito ai clienti gli aumenti significativi dei prezzi per il settore dei container negli Stati Uniti con inizio il 12 gennaio, mentre Maersk si aspetta che le tensioni durino almeno alcuni mesi.

PP, il più colpito fra tutti i prodotti

Molti player concordano sul fatto che i mercati del PP siano stati i più colpiti dai disordini poiché i consumatori soddisfano i loro bisogni per lo più dal mercato di importazione. I volumi provenienti dall’Arabia Saudita, il principale fornitore di PP omo della Turchia, si sono ridotti a causa dei ritardi di spedizione e di una serie di manutenzioni pianificate nel primo trimestre. Inoltre, la forte domanda da parte dei trasformatori e dei trader ha ampiamente ridotto la disponibilità in pronta consegna nei magazzini sebbene la domanda si sia calmata leggermente questa settimana.

Secondo la media settimanale di ChemOrbis, il PP rafia e fibra di importazione saudita sono aumentati del 17% ($160/ton) e del 21% ($210/ton) in totale rispetto a un mese fa. La valutazione del PPBC per la stessa origine ha registrato un aumento cumulativo del 19% ($200/ton) in questo periodo poiché l’interruzione delle spedizioni dalla Corea del Sud ha messo l’offerta in pericolo. Un trader ha commentato, “La crisi è iniziata nel momento in cui i trader avevano già smaltito le loro scorte in vista della fine dell’anno. Questo, aggiunto all’aumento dei costi di spedizione ha ridotto la disponibilità”.

Volumi MO limitati spingono in rialzo il PE di oltre $100, mantengono domanda vivida

Anche i prezzi del PE sono aumentati come reazione impulsiva alla crisi delle spedizioni nella regione, con le offerte di importazione mediorientali che hanno registrato aumenti a tre cifre sul mese. I dati di ChemOrbis suggeriscono che i prezzi dalla regione sono aumentati del 10-13% ($100-130/ton) come media settimanale. Un trader globale ha commentato, “Ci aspettiamo che l’aumento continui a febbraio poiché le tensioni in Medio Oriente non danno alcun segnale di miglioramento a breve”.

Infatti, l’LDPE era già stato il protagonista della corsa rialzista a dicembre, grazie alla domanda sostenuta di carichi domestici e alla riduzione delle quote da parte di alcuni fornitori mediorientali. Il trend rialzista complessivo è stato esteso agli altri gradi all’inizio del 2024, con i problemi di spedizione e i tassi di nolo alle stelle nella regione che hanno permesso agli aumenti di prendere slancio.

PVC sentirà maggiore impatto il prossimo mese

Nel frattempo, i bruschi aumenti delle poliolefine non si sono ripercossi sul PVC nella prima metà di gennaio poiché la domanda calma dei derivati ha continuato a pesare. Sebbene gli aumenti di prezzo siano stati tenuti sotto controllo dalla bassa stagione e dalle sfide finanziarie, i player si aspettano che i prezzi del PVC registrino alcuni rialzi il mese prossimo sulla base dei recenti sviluppi. Infatti, le offerte di PVC statunitense sono già aumentate con la mancanza di un annuncio ufficiale in linea con il rialzo dei prezzi del K67 americano nel vicino Egitto.

La società di Taiwan, Formosa, ha interrotto tutti i carichi di PVC su base CIF non spediti verso l’Europa e la Turchia, con effetto dal 12 gennaio. Secondo una lettera, inoltre, la società statunitense Westlake ha avvertito i propri clienti di potenziali interruzioni delle consegne di PVC, attribuendo la colpa ai continui problemi logistici nella regione.

L’aumento dei costi di spedizione insieme ai continui problemi nel settore logistico potrebbero avere un impatto più visibile sul mercato del PVC più avanti, considerando la necessità dei venditori di recuperare i loro margini. Un player ha affermato, “Il PVC probabilmente seguirà il PP e il PE in rialzo mentre abbiamo bisogno di valutare i volumi di esportazione dalla vicina Europa nel prossimo periodo poiché saranno fondamentali”. Un produttore regionale ha già aumentato i prezzi del K67 di $20-25/ton per le ultime consegne.

Il gelo negli USA avrà effetti a catena?

Martedì scorso i cittadini del Texas hanno dovuto affrontare una tempesta invernale, che ha causato la chiusura di diverse unità petrolchimiche o la riduzione dei tassi operativi della zona. Sebbene l’impatto sulla produzione di polimeri non era chiaro al momento della pubblicazione, i principali produttori di olefine, tra cui Ineos, Nova, Formosa, Gulf Coast Growth Ventures, LACC LLC, e Enterprise erano fra le società la cui produzione di etilene e propilene è stata colpita.

Secondo fonti della stampa, la rete elettrica del Texas è riuscita a resistere nonostante l’elevata domanda di riscaldamento, dopo aver ceduto durante un periodo di gelo intenso nel 2021. Tuttavia, i player dovranno monitorare la produzione negli Stati Uniti poiché si prevede che le condizioni climatiche avverse persisteranno in diversi stati.

Un player ha dichiarato, “I prezzi del PE statunitense stanno già seguendo un trend rialzista a causa dei volumi limitati mentre le offerte in Turchia non sono riuscite a fornire un’alternativa per i consumatori”.

Mancanza carichi FEA alimenta grandi rialzi del PS, ABS

Poiché le prolungate tensioni hanno portato a un’offerta limitata e all’aumento dei prezzi dei container dall’Asia, anche le offerte degli stirenici si sono unite all’aumento. Le offerte di importazione sudcoreane si sono avvicinate ai $1500/ton per il GPPS e ai $1600/ton per l’HIPS su base CIF Turchia, senza dazio. I prezzi dell’ABS iniezione naturale hanno addirittura toccato i $1800/ton su base CIF poiché la mancanza di produzione domestica si è aggiunta alla carenza per questo prodotto.

Un trader ha commentato, “Ci aspettiamo di vedere ulteriori aumenti di circa $100-150/ton nel prossimo futuro a meno che la situazione dell’offerta si normalizzi e la domanda diminuisca. I carichi sudcoreani hanno ricevuto una domanda sostenuta guidata dalle preoccupazioni circa l’aggravarsi dei problemi logistici”.

Massicci aumenti nella resina e nei costi di spedizione innescano preoccupazioni per inflazione

Ovviamente, la domanda è aumentata a causa dei timori di una prolungata interruzione delle catene di approvvigionamento globali. Tuttavia, l’aumento non è stato sostenuto dalla domanda di prodotti finiti. “I salari minimi hanno subito un aumento; facciamo fatica a far fronte ai costi elevati”, hanno detto i trasformatori.

Ma soprattutto, le interruzioni delle spedizioni nel Mar Rosso hanno alimentato i timori di inflazione. Secondo gli esperti, se la crisi durerà a lungo l’inflazione rischierà di aumentare, mentre il rialzo dei costi dei container a livello globale potrebbe mettere a repentaglio la lotta economica. Un trader globale di polimeri ha commentato, “I buyer hanno accettato gli aumenti di gennaio per sostenere la loro produzione. Tuttavia, potrebbero iniziare a resistere a rialzi maggiori, a meno che i settori dei derivati non aiutino i trasformatori a trasferire l’aumento dei costi attraverso i prezzi dei prodotti finiti. La crisi finirà per diminuire i consumi”.

In altre parole, se gli acquisti guidati dal panico si attenuano in seguito all’arrivo dei carichi in ritardo, l’impatto della congestione delle spedizioni diminuirà. La possibilità di una rapida correzione dopo i forti rialzi e l’aumento del divario con i mercati asiatici terranno i player dei polimeri sulle spine anche nel medio termine.

Prova Gratuita
Login