Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Turchia, mercato PVC fluido tra domanda calma, offerta ridotta

di Merve Madakbaşı - mmadakbasi@chemorbis.com
  • 16/09/2022 (09:17)
I prezzi delle importazioni di PVC sono rimasti di recente stabili poiché il mercato è stato bilanciato tra una minore offerta e un consumo limitato in Turchia. L’allentamento della pressione sull’offerta ha incoraggiato i venditori ad adottare politiche di prezzo rialziste, che hanno richiamato gli acquirenti sul mercato all’inizio di settembre. Tuttavia, i tentativi di rialzo sembrano essere falliti a causa della domanda di prodotti finiti contenuta.
CIF Turchia – Prezzi all’importazione – Prezzi locali – Franco magazzino Turchia – PVC K67

Netback bassi scoraggiano i fornitori dall’offrire alla Turchia

L’assenza di fornitori regolari, tra cui i venditori europei, messicani e russi, ha sostenuto il sentiment dei venditori dall’inizio di settembre. Non solo ci sono stati tassi di produzione più bassi o manutenzioni programmate tra i produttori di PVC, ma anche netback scarsi in Turchia hanno portato a minori volumi di esportazione verso il paese.

I dati medi settimanali di ChemOrbis mostrano che il mercato del K67 esente dazio della Turchia è stato scambiato a circa $750/ton al di sotto dei mercati spot europei a metà settembre. Il premio della Turchia rispetto al mercato cinese per le importazioni di K67 si è attestato a $100/ton, mentre il divario con il sud-est asiatico è di $80/ton. Il premio rispetto all’India è invece di $30/ton.

Cali della major taiwanese ostacolano gli aumenti USA

I trader hanno tentato aumenti per i carichi americani di PVC dalla scorsa settimana. Dopo acquisti a bassi livelli a partire da $850/ton CIF Turchia, sono emerse offerte pari o superiori a $900/ton, ma non sono riuscite a catturare interesse, come hanno ammesso i venditori. Un produttore ha dichiarato: "I produttori statunitensi hanno esportato EDC in Europa, dove gli operatori hanno sofferto dei costi elevati dell’elettricità e non avevano una produzione a monte sufficiente. Questo potrebbe aver spianato la strada a offerte di PVC statunitensi in rialzo".

Oltre alla domanda in calo, i prezzi più bassi della major taiwanese per ottobre in Asia hanno ostacolato i tentativi di aumento da parte dei fornitori di PVC statunitensi. Dopo la notizia, un importante produttore statunitense ha offerto forti sconti alla Cina questa settimana.

Allo stesso modo, i tentativi di aumento per i carichi egiziani sono stati di breve durata data l’attività in calo. Un produttore egiziano aveva revocato le sue offerte di esportazione alla Turchia a seguito delle vendite aggressive di agosto. Tuttavia, i recenti rialzi non sono riusciti a trovare accettazione e alcuni trader hanno confermato di aver rivisto i loro prezzi fino a $950/ton CIF Turchia questa settimana.

Il crollo dei costi di trasporto attirerà di nuovo i produttori cinesi?

Oltre alle allocazioni più basse da parte di diversi produttori di PVC, i prezzi del PVC cinese in Turchia sono stati scarsi rispetto ai mesi estivi. Le offerte sono state poche e lontane tra loro, con livelli di $1050-1100/ton trovati impraticabili.

Gli operatori si sono chiesti se i produttori cinesi riprenderanno o meno le loro offerte nel breve termine, considerando che le tariffe di trasporto dall’Asia alla Turchia sono crollate ulteriormente. Un commerciante globale ha ammesso: "Questi carichi non sono stati trovati praticabili anche se sono con termini di spedizione sfusa. I commercianti si sono astenuti dall’impegnarsi con questi carichi lontani in quanto non sono fiduciosi sulla domanda in Turchia per il Q4."

Alcuni operatori si aspettano che i venditori cinesi dirottino più carichi verso la Turchia nel prossimo termine sulla base dei costi di trasporto in calo, in particolare se la domanda non mostrerà una solida ripresa in India con eventuali dazi in sospeso per questa origine.

Offerte di PVC russo riemergono dopo settimane

Il materiale russo è riemerso, anche se provvisoriamente, con alcune offerte riportate a $1000-1020/ton CIF, soggette a dazio del 6,5%. "Questi livelli non sembrano attraenti rispetto ai carichi americani", hanno convenuto gli operatori.

Secondo quanto riferito, due produttori russi hanno ripreso le operazioni nei loro impianti, mentre un altro era in programma per ripartire a ottobre. Alcuni trader hanno espresso la loro preoccupazione che il PVC russo possa tornare sul mercato turco entro ottobre tra i riavvii recenti e in sospeso.

PVC locale K67 è aumentato del 5% in un mese

La diminuzione dell’offerta locale e di importazione ha rafforzato il mercato locale K67 della Turchia questo mese, per non parlare della politica dei prezzi rialzista di Petkim. Il produttore nazionale sta attualmente conducendo un fermo per manutenzione pianificato per il suo cracker di etilene, mentre la sua produzione di PVC a valle non è stata finora fermata, una fonte aziendale ha riferito a ChemOrbis.

I dati di ChemOrbis mostrano che il mercato del PVC K67 detenuto localmente ha guadagnato il 5% ($70/ton) da metà agosto con prezzi inferiori a $1400/ton IVA inclusa diventati rari. I prezzi sono crollati del 46% ($1185/ton) per la media settimanale da marzo ad agosto.

Prospettive incerte per il prossimo futuro

Le aspettative a breve termine sono che i mercati si muovano in gran parte lateralmente, senza grandi movimenti in su o giù, in gran parte a causa di un equilibrio tra i fattori fondamentali che governano la domanda e l’offerta.

La persistente crisi energetica in Europa, i prezzi più bassi da una major taiwanese all’Asia per il sesto mese consecutivo, i netback già bassi in Turchia e le incertezze sui flussi di trading impediscono agli operatori di fare previsioni su ottobre.

La performance post-monsonica della domanda indiana sarà un fattore chiave da monitorare. Se le fonti cinesi e russe torneranno in Turchia o meno tra netback bassi sarà da tenere sotto stretta sorveglianza nelle prossime settimane.

Nel lungo termine, gli operatori sperano che il recente ed enorme progetto di alloggi sociali pianificato dal Ministero dell’Ambiente, dell’Urbanizzazione e dei Cambiamenti Climatici della Turchia aumenterà le attività in una certa misura.
Prova Gratuita
Login