Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Turchia, venditori PP e PE del MO cercano prezzi più alti

di Ufficio Redazione ChemOrbis - content@chemorbis.com
  • 21/10/2016 (13:56)
In Turchia, diversi player si sono assentati dal mercato per partecipare alla fiera K che si sta svolgendo tra il 19 e il 26 ottobre a Dusseldorf (Germania). Questa settimana l’attività è stata quindi ridotta. Poco prima della fiera, i fornitori di PP e PE del Medio Oriente hanno espresso idee di vendita in rialzo dovute ai costi del petrolio più alti e alla disponibilità limitata, mentre secondo venditori e buyer, la domanda durante e dopo il K avrà un ruolo importante nel determinare la futura direzione dei mercati.

Questa settimana è stato riportato un numero limitato di offerte di PP e PE da parte dei venditori, mentre i buyer hanno posticipato le richieste alla fiera K.

Un produttore globale ha applicato aumenti di $30/ton sul PP omo rafia e fibra, mentre ha rialzato i prezzi di $10-20/ton per l’LDPE film, tutto per i carichi dall’Arabia Saudita. Una fonte del produttore ha affermato “Abbiamo applicato incrementi sui prezzi di listino questa settimana, a causa delle nostre allocazioni limitate. Abbiamo chiuso delle trattative per l’LDPE film, il cui trend è in rialzo per l’offerta corta. Tuttavia, i prezzi di PP omo non hanno riscosso un forte interesse e sono rimasti teorici”.

Di conseguenza, gli ultimi prezzi di PP del venditore si attestano a $1040/ton per il PP rafia e a $1060/ton per il PP fibra, CIF Turchia, soggetti a un dazio doganale del 6.5%, cash, mentre le offerte di LDPE film si attestano a $1210-1220/ton con gli stessi termini.

Un trasformatore ha riportato “Un agente di un produttore di PP dell’Arabia Saudita ha riferito che mira a prezzi a $1020/ton CIF Turchia, soggetto a un dazio doganale del 6.5%, cash per il PP omo rafia. Tuttavia, ha ammesso che i buyer non trovano accettabile questo livello per ora”.

Sia i venditori che i buyer concordano sul fatto che il sentimento e l’attività durante il K saranno un indicatore importante per la direzione dei mercati di PP e PE. Un fornitore di PE del Medio Oriente ha riportato a ChemOrbis “Abbiamo osservato un miglioramento dell’atmosfera e del flusso di persone rispetto a quanto ci aspettavamo durante il primo giorno di fiera”.

Le offerte dal Medio Oriente in Cina, dove i prezzi sono stati rialzati a causa dei costi del petrolio più alti, del miglioramento della domanda e del rialzo dei mercati dei future, mostrano che i prezzi hanno ancora spazio per salire su base CFR Turchia. Tuttavia, la domanda per il PP è considerata ridotta in Turchia, mentre la situazione è differente per il PE, la cui offerta è ridotta soprattutto per l’LDPE e l’HDPE.

Un altro fattore da tenere sotto controllo sarà il trend in Cina per le prossime settimane, per vedere se i rialzi continueranno ad essere supportati dalle dinamiche di domanda-offerta e dalle recenti oscillazioni dei costi del petrolio. I venditori dovrebbero mantenere un atteggiamento fermo sui prezzi nel paese nel breve termine, con le notizie incoraggianti riguardanti la crescita economica della Cina in linea con le attese. Tuttavia, alcuni player non escludono la possibilità di piccole correzioni in calo a novembre. Una nuova capacità di PP che verrà avviata a fine ottobre potrebbe frenare il trend in rialzo per quel prodotto. I prezzi del PE potrebbero fermarsi nel caso migliorasse la disponibilità di LDPE, secondo alcuni player.

Per quanto riguarda le materie prime, i costi spot del propilene sono scesi di $20/ton su base FOB Corea del Sud sulla settimana, mentre i costi dell’etilene sono calati di $15/ton su base CFR Nordest Asiatico nello stesso periodo, a causa delle variazioni dei costi del petrolio e della disponibilità sufficiente per questi monomeri.
Prova Gratuita
Login