Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Uno sguardo ai mercati asiatici del PVC nel 2018: produttore Taiwan continua a guidare il mercato

  • 19/12/2018 (13:52)
Le politiche di prezzo di uno dei principali produttori di Taiwan hanno continuato a definire il mercato del PVC asiatico durante il 2018, mentre i problemi legati al cambio sono diventati preponderanti per la guerra commerciale tra Cina e USA.

Produttore Taiwan cerca aumenti per due terzi dell’anno

Il maggiore produttore di Taiwan ha chiesto aumenti nei mercati regionali del PVC per quasi tutto il 2018, citando le allocazioni limitate.

La prima volta in cui il produttore ha deciso di adottare una politica di prezzo in calo è stata nei mesi di maggio e giugno, in linea con la domanda debole per la stagione dei monsoni in India.

La seconda volta è stata nei mesi di ottobre e novembre a causa della domanda insoddisfacente nel periodo post-monsoni in India e delle valute locali deboli in quel momento. L’emergere di offerte competitive dagli USA in Cina e Sudest Asiatico ha contribuito ad abbassare le offerte.

Soglia di $900/ton CIF critica sia in Cina che in India

Secondo la media settimanale del Price Index di ChemOrbis, i prezzi del PVC di importazione sono rimasti ben al di sopra della soglia dei $900/ton per la maggior parte dell’anno in India e Cina, i due maggiori importatori di PVC al mondo. In India, la media settimanale ha anche superato la soglia dei $1000/ton per un breve periodo nei primi mesi dell’anno. È stato invece nel quarto trimestre che i prezzi medi sono scesi in entrambi i paesi sotto la soglia dei $900/ton.

Domanda post-monsoni non soddisfa le aspettative in India

In India, il mercato del PVC ha sfidato la fine della stagione dei monsoni quest’anno perché la domanda dei carichi di importazione è rimasta per lo più muta fino a fine ottobre. Questo è stato attribuito alle oscillazioni delle valute, che hanno spinto i buyer a evitare acquisti dal mercato dell’import per evitare rischi.

Valute in calo supportano mercati locali

La guerra commerciale tra Cina e USA ha pesato sulle valute locali nel Sudest Asiatico e ha creato una pressione rialzista sui mercati locali, soprattutto nella stagione delle piogge. A inizio settembre, il ringgit della Malesia ha chiuso ai minimi degli ultimi nove mesi contro il dollaro USA e la rupia indonesiana è scesa al livello più basso contro il dollaro USA degli ultimi venti anni.

Un caso simile si è verificato in India, dove la rupia indiana ha toccato il minimo storico contro il dollaro USA, fermando l’interesse per i carichi di importazione anche dopo la bassa stagione.

PVC USA offre livelli competitivi in Cina, Sudest Asiatico

Il PVC dagli USA è stato offerto a livelli competitivi nel Sudest Asaitico e in Cina a settembre. L’influsso dei carichi USA ha spinto il mercato ulteriormente in calo soprattutto in Cina perché a prezzi inferiori di circa $100/ton rispetto alle origini asiatiche.

La decisione della Cina di rimuovere il PVC dagli USA dalla lista è stata indicata come una delle ragioni che hanno fatto crescere l’attenzione per questa origine nella regione.

Nelle prime fasi dello scontro Cina-USA, il Ministero del commercio cinese ha pubblicato una lista di 333 prodotti statunitensi, incluso il PVC, soggetti a una tariffa aggiuntiva del 25%. Il PVC è stato poi rimosso dalla lista subito dopo.

Esplosione fa incrementare controlli di sicurezza in Cina, offerta corta fa aumentare mercati locali

A seguito della forte esplosione nella struttura di PVC della Hebei Shenghua a Hebei, Cina, a fine novembre, il governo cinese ha intrapreso una serie di controlli di sicurezza dei trasformatori di VCM nel paese.

Questa decisione ha portato a un’offerta corta nel mercato, soprattutto di PVC a base etilene e ha supportato il mercato locale nelle ultime due settimane, assieme al rafforzamento dei future del Dalian, in rialzo per la temporanea tregua commerciale.

Mercato PVC cinese vede nuove capacità per il 2018-2020

La Cina ha intenzione di espandere la capacità di PVC domestico di 4.75 milioni ton da dicembre 2018 al 2020. Queste capacità dovrebbero far diventare la Cina un esportatore netto, una volta completate.
Prova Gratuita