Skip to content




Mercati

Asia Pacifico

  • Cina
  • SEA & India
  • (Indonesia, Vietnam, Malaysia, Singapore, Philippines, Thailand, India)
  • Europa

  • Italia
  • Nord Europa
  • (Austria, Belgio, France, Germania, Paesi Bassi, Svizzera)
  • Africa

  • Egitto
  • Africa
  • (Algeria, Tunisia, Libya, Marocco, Nigeria, Kenya, Tanzania, Sudafrica)

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Utili record per i produttori di petrolio nel 3° trimestre, margini chimici in calo

di Başak Ceylan - bceylan@chemorbis.com
  • 08/11/2022 (11:25)
Diversi produttori globali di petrolio hanno riportato utili record per il terzo trimestre del 2022, trainati principalmente dall’aumento dei prezzi del gas naturale e del carburante. Come mostrano i risultati finanziari recentemente pubblicati, le cinque maggiori compagnie petrolifere hanno realizzato 70 miliardi di dollari di profitto nell’ultimo trimestre. Tuttavia, i margini petrolchimici sono stati spinti al ribasso durante il terzo trimestre a causa dell’aumento dei costi di vendita e dei costi di distribuzione.

Total riporta quasi $10 milioni di profitto

TotalEnergies ha registrato un utile netto corretto di 9,86 miliardi di dollari, in aumento significativo rispetto ai 4,77 miliardi di dollari dello stesso periodo del 2021 e ai 9,8 miliardi di dollari del secondo trimestre di quest’anno. Nel frattempo, il gruppo francese ha dichiarato che la produzione di monomeri è diminuita del 13% nel terzo trimestre, principalmente a causa della minore domanda in Asia e dei fermi impianto non pianificati in Francia e Belgio.

Risultati Q3 di BP aumentati significativamente rispetto al 2021

L’utile riportato da BP è stato di 8,2 miliardi di dollari, rispetto agli 8,5 miliardi di dollari del trimestre precedente. Il risultato del terzo trimestre è stato in parte influenzato da margini di raffinazione più bassi, ha dichiarato il colosso energetico britannico. Tuttavia, i dati recenti hanno segnato un aumento significativo rispetto al terzo trimestre del 2021, quando l’utile netto era pari a $3,3 miliardi.

Chevron riporta il 2° più alto profitto trimestrale

Chevron ha registrato il suo secondo più alto profitto trimestrale di sempre a $11,2 miliardi, che ha quasi raddoppiato i $6,1 miliardi dello stesso periodo dell’anno scorso. La società ha citato la crescente domanda globale di petrolio e gas, nonché l’aumento della produzione nazionale di petrolio, tra i fattori chiave a sostegno dell’aumento. Secondo Chevron, la produzione di petrolio del bacino Permiano del terzo trimestre è stata di oltre 700.000 barili al giorno, in crescita di oltre il 12% rispetto al trimestre dello scorso anno.

Utile CPChem diminuito nel 3° trimestre

Il business delle olefine e delle poliolefine di Chevron Phillips Chemical – una società petrolchimica di proprietà congiunta di Chevron e Phillips 66 – ha registrato 105 milioni di dollari di utile corretto ante imposte nel terzo trimestre, rispetto ai 216 milioni di dollari del secondo trimestre. La diminuzione è stata causata da un forte calo dei margini del PE, parzialmente compensato da minori costi di manutenzione.

Profitti Shell scesi dai livelli record ma ancora buoni

Sebbene Shell abbia registrato utili operativi di 9,5 miliardi di dollari per il terzo trimestre di quest’anno, questo è stato inferiore al livello record visto durante la prima metà dell’anno. Tuttavia, Shell è sulla buona strada per superare il suo profitto annuale record di $31 miliardi del 2008 con un profitto di $30,5 miliardi riportato finora nel 2022.

Il motivo principale per cui l’utile della società nel terzo trimestre è stato leggermente inferiore al massimo record del secondo trimestre è dovuto in gran parte ai margini inferiori nella raffinazione e nel trading di gas. Il gigante petrolifero quotato a Londra ha anche riportato margini chimici più bassi a causa dell’aumento delle materie prime e dei costi delle utenze.

Profitto ai massimi storici del 3° trimestre per ExxonMobil

L’utile netto di ExxonMobil nel terzo trimestre, pari a 19,66 miliardi di dollari, rappresenta il massimo storico, raggiunto principalmente grazie alla forte performance dei volumi, al rigoroso controllo dei costi e ai maggiori risultati per il gas naturale che hanno compensato i minori risultati del petrolio e dei margini di raffinazione più bassi. Allo stesso tempo, gli utili dei prodotti chimici sono stati di 800 milioni di dollari rispetto a 1,1 miliardi di dollari nel secondo trimestre e anche di 1,2 miliardi di dollari in meno rispetto al terzo trimestre 2021, in gran parte a causa di margini e vendite inferiori, che riflettono l’indebolimento delle condizioni di mercato.

Gli utili di Eni aumentano ma gli utili di Versalis soffrono

L’utile netto corretto di Eni per il terzo trimestre è aumentato del 161% rispetto all’anno precedente a 3,73 miliardi di euro. Secondo Eni, la solida performance delle attività internazionali della società ha prodotto risultati positivi nel corso del terzo trimestre, nonostante un calo dei prezzi del petrolio.

Tuttavia, Eni ha dichiarato nella nota che il business chimico di Versalis ha registrato un risultato negativo di 177 milioni di euro nel terzo trimestre, in calo di 202 milioni di euro rispetto al terzo trimestre del 2021 a causa della domanda più debole. Secondo la società, ciò è dovuto principalmente ai maggiori costi delle materie prime a base di petrolio e alle spese delle utenze dell’impianto indicizzate al prezzo del gas naturale.

L’utile netto del 3° trimestre di Dow sceso di circa il 55%

Dow, uno dei tre maggiori produttori chimici al mondo, ha registrato un utile netto GAAP di 760 milioni di dollari per il terzo trimestre, in calo rispetto agli 1,70 miliardi di dollari del terzo trimestre del 2021. Anche l’EBIT operativo della società è diminuito rispetto ai 2,9 miliardi di dollari dello stesso periodo dell’anno scorso a 1,2 miliardi di dollari, principalmente a causa dei maggiori costi delle materie prime e dell’energia, nonché dei minori utili azionari.

Le vendite nette del segmento imballaggi e materie plastiche speciali di Dow nel trimestre sono diminuite del 5% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso a 7,3 miliardi di dollari. Di conseguenza, le vendite nette del segmento sono diminuite dell’11% a causa del calo dei prezzi del PE e dei volumi ridotti a causa dei continui vincoli logistici globali e delle condizioni dinamiche del mercato in EMEA.

Utile netto di LyondellBasell si dimezza

LyondellBasell Industries ha annunciato un utile netto per il terzo trimestre di 572 milioni di dollari, in calo rispetto agli 1,64 miliardi di dollari del trimestre precedente e agli 1,76 miliardi di dollari registrati nello stesso trimestre dello scorso anno. L’EBITDA del terzo trimestre è stato di 1,1 miliardi di dollari, meno della metà di quanto riportato dalla società per il secondo trimestre e il terzo trimestre del 2021.

La società ha dichiarato che "i maggiori costi energetici, la nuova offerta e i mercati più deboli" hanno pesato sui margini petrolchimici globali durante il terzo trimestre, aggiungendo che la domanda globale dai mercati dei beni durevoli si è attenuata.

LyondellBasell ha anche dichiarato di aver posticipato il riavvio del suo cracker di etilene in Francia fino al primo trimestre 2023 e ridotto i tassi operativi in tutta i suoi asset globali per soddisfare la minore domanda in Europa. Secondo la società, i mercati cinesi sono rimasti deboli a causa della politica zero-COVID e della crescita tiepida, mentre le nuove capacità e la riduzione delle scorte hanno portato a un calo dei prezzi delle poliolefine in Nord America.

Aramco registra un utile netto di 42,4 miliardi di dollari

L’utile netto del produttore petrolifero statale saudita Aramco è salito a $42,4 miliardi per il terzo trimestre, battendo le previsioni con un balzo del 39% da $30,4 miliardi riportato un anno prima. Il flusso di cassa della società dalle attività operative è stato di $54,0 miliardi rispetto ai $36,3 miliardi dello scorso anno.

"Mentre i prezzi globali del petrolio durante questo periodo sono stati influenzati dalla continua incertezza economica, la nostra visione a lungo termine è che la domanda di petrolio continuerà a crescere per il resto del decennio, data la necessità del mondo di energia più accessibile e affidabile", ha dichiarato Amin H. Nasser, presidente e CEO, nella dichiarazione trimestrale.

L’utile netto di SABIC crolla del 77% su base trimestrale

D’altra parte, SABIC – di cui Saudi Aramco possiede la quota di maggioranza – ha registrato un calo trimestrale del 77% dell’utile netto durante il terzo trimestre a 1,84 miliardi di SAR (490 milioni di dollari). Ciò rappresenta anche un calo del 67% rispetto all’utile netto di SAR5,59 miliardi ($1,49 miliardi) nel terzo trimestre del 2021.

"La diminuzione dell’utile netto è attribuibile al calo dei prezzi di vendita che ha anche contribuito al calo dei risultati di società collegate e joint venture", ha detto la società in una dichiarazione rilasciata alla borsa saudita Tadawul.
Prova Gratuita
Login