Skip to content




Mercati

Asia Pacifico

  • Cina
  • SEA & India
  • (Indonesia, Vietnam, Malaysia, Singapore, Philippines, Thailand, India)
  • Europa

  • Italia
  • Nord Europa
  • (Austria, Belgio, France, Germania, Paesi Bassi, Svizzera)
  • Africa

  • Egitto
  • Africa
  • (Algeria, Tunisia, Libya, Marocco, Nigeria, Kenya, Tanzania, Sudafrica)

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Vietnam, mercati del PP scendono ai minimi di circa 4 mesi

di Shibu Itty Kuttickal - sikuttickal@chemorbis.com
  • 31/10/2023 (12:28)
Secondo il Price Index di ChemOrbis, i prezzi del PP vietnamita sono scesi nelle ultime tre settimane ai minimi degli ultimi quattro mesi e mezzo a causa della combinazione tra la domanda debole e le scorte ampie dei trader e dei trasformatori. A conferma della pressione sull’offerta interna, il Vietnam ha registrato quest’anno un notevole aumento delle importazioni dalla Cina, secondo lo Stats Wizard di ChemOrbis.

La scorsa settimana i prezzi locali del PP rafia sono stati scambiati a VND25,500,000-25,800,000/ton ($944-955/ton IVA esclusa) su base FD Vietnam, cash IVA inclusa, con il punto medio del range in calo di circa il 6% rispetto ai livelli della settimana iniziata il 2 ottobre. I livelli di prezzo locali hanno toccato il minimo degli ultimi quattro mesi e mezzo. In confronto, il punto medio del range d prezzo per le importazioni valutato in Vietnam è sceso di circa il 4% nello stesso periodo, con livelli pari a $940-990/ton su base CIF Vietnam, cash, il minimo di quattro mesi.

Vietnam - PP

L’offerta resta ampia

I player del mercato vietnamita hanno dichiarato che il problema principale dell’attuale mercato è la mancanza di domanda, ma anche l’ampia offerta.

“Un tempo vendevamo circa 5,000 ton al mese, ma attualmente le vendite sono scese a circa 1,500 ton. Abbiamo fatto molte scorte durante giugno-luglio, che sono ancora nei nostri magazzini. Abbiamo ridotto gli acquisti al minimo, ma le scorte rimangono alte”, ha dichiarato un trader locale in Vietnam.

Player aspettano prezzi ancora più bassi dato che la domanda europea resta debole

La situazione della domanda riflette la diminuzione dei ritmi di produzione dei trasformatori del paese, con anche la stagione degli acquisti in arrivo che non è riuscita a rilanciare l’attività in fabbrica nei mesi di settembre e ottobre. In effetti, i player hanno affermato che la domanda per la fine dell’anno è diminuita, poiché i clienti europei saranno in ferie per la maggior parte di dicembre.

“Dato che i prezzi sono in ribasso, continueremo a restare inattivi e aspetteremo il momento e il prezzo giusti per acquistare”, ha dichiarato un trasformatore in Vietnam. “La domanda per i nostri prodotti rimane debole. In effetti, abbiamo materie prime sufficienti per il nostro fabbisogno fino a fine novembre e non vediamo l’utilità di rifornirci in questo momento”, ha aggiunto un altro trasformatore in Vietnam.

La disponibilità dalla Cina è in aumento

Nel frattempo, in Cina erano in attesa di materiale sufficiente per le destinazioni vietnamite, che si trovavano a soli 3-6 giorni di navigazione dalla terraferma. Poiché la domanda domestica cinese è rimasta debole, l’offerta nel paese è aumentata notevolmente e le spedizioni hanno cercato altre destinazioni.

Anche lo Stats Wizard di ChemOrbis conferma la crescente pressione sull’offerta da parte della Cina, dato che le esportazioni cinesi di PP in Vietnam sono cresciute del 20% a 18,000 ton nel mese di settembre. Nel frattempo, le esportazioni cumulative tra gennaio e settembre sono aumentate del 40% rispetto all’anno precedente.


L’intensificarsi del conflitto in MO sosterrà propilene e PP?

Allo stesso tempo, alcuni player si aspettavano che un eventuale ampliamento del conflitto tra Israele e Hamas facesse aumentare i prezzi del petrolio, il che avrebbe sostenuto i prezzi del propilene e del PP. In una situazione di domanda depressa e offerta ampia, questo potrebbe, nella migliore delle ipotesi, mantenere i prezzi stabili, il che potrebbe indurre un maggior numero di produttori a ridurre i ritmi di produzione dei propri impianti, cercando di contenere le perdite e di ridurre la disponibilità nel mercato più ampio.
Prova Gratuita
Login